Pistoia, la prossima capitale della cultura in 5 passi - Viaggi Low Cost

Pistoia, la prossima capitale della cultura in 5 passi

Pistoia, la prossima capitale della cultura in 5 passi

Pistoia, città della cultura per il 2017, ecco le cose da non mancare per dire di aver visto questa città così sottovalutata ma bellissima, leggi i post.

di , | Cosa Fare

La recente notizia ha fatto sobbalzare sulla sedia gli abitanti di Pistoia: la città toscana sarà la capitale della cultura nel 2017!  Pistoia merita questo riconoscimento, è una piccola capitale di arte oscurata da altre “big” toscane. Se non la conoscete ancora, sarà il 2017 il momento buono per metterla nella vostra lista; per chi la vorrà gustare anche prima, i miei 5 suggerimenti 5.

  1. Piazza del Duomo
    La piazza principale della città è una delle mie preferite e una delle più belle, se non in Italia, in Toscana. Come tutta la città è tutta caratterizzata da imponenti palazzi medievali, edificati al tempo della sua potenza, prima di cadere nelle maglie di Firenze. In piazza del Duomo spicca la Cattedrale dedicata a San Zeno, una bella chiesa romanica con un loggiato di marmo bianco e verde. A lato il campanile, antichissimo e dalla cui sommità si gode una bella vista. Dall’altro lato della piazza un bel Battistero che fu edificato nel ‘300 ed è dedicato a San Giovanni. Altri edifici da segnalare il Palazzo dei Vescovi e il Palazzo del Comune. L’insieme è armonico e maestoso: una grande piazza per una piccola città.
  2. Piazza della Sala
    La trovate subito dietro il Battistero e vi stupirà. La Sala è lo spazio non molto ampio del mercato cittadino, se andate la mattina scoprite tutta la vivacità e il folklore delle bancarelle di frutta, verdura, alimentari. Sul perimetro della piazza caffè, osterie, ristoranti, o semplici negozi di alimentari attrezzati a fare gustosi panini o a servirvi l’aperitivo. Già dal tardo pomeriggio la Sala si riempie di tavolini e di persone e la cosa più bella è che i turisti si contano sulle dita della mano: la gente in piazza è di Pistoia, molti si conoscono e si salutano, in una bella atmosfera di familiarità ormai irrimediabilmente perduta nelle città più grandi.

    fregio

    fregio

  3. L’Ospedale del Ceppo
    Sì, l’ospedale che fino a qualche anno ha ospitato i malati cittadini si trova a pochi metri dalla cattedrale. Adesso che non deve più svolgere la sua funzione sanitaria è in cerca di una nuova identità, ma probabilmente diventerà un centro culturale per mostre. La cosa più particolare è il fregio robbiano che orna tutta la facciata dell’edificio. Durante la scorsa estate era possibile salire sulle impalcature – infatti era sotto restauro – e ammirarlo da vicino, con i suoi personaggi in terracotta invetriata a figura intera, affascinanti in ogni dettaglio.
    Informatevi sulla possibilità di vedere questo bellissimo bassorilievo, dai colori brillanti. All’interno si trova un altro piccolo gioiello: il Teatro Anatomico, in stile neoclassico, che serviva per illustrare le lezioni della Scuola di Anatomia. Lo si visita facendo il percorso di Pistoia Sotterranea, in pratica si riemerge da un camminamento ipogeo sotto la città proprio in questa sala.
  4. Pistoia Blues Morcheeba

    Pistoia Blues Morcheeba

  5. La Biblioteca San Giorgio
    La nuova e grande Biblioteca civica sorge fuori dal centro storico, ma molto vicina alla stazione ferroviaria, in quella che era l’area industriale della Breda. Questa azienda meccanica è un pezzo importante della storia cittadina e i suoi capannoni, una volta spostata la produzione fuori città, sono stati recuperati in modo intelligente. La Biblioteca è disposta su tre piani, il piano terra con la galleria è arioso con caffetteria, postazioni multimediali, uno straordinario spazio ragazzi colorato, allegro e a misura di bambino, l’emeroteca e vari scaffali aperti. Vale una visita, anche perché all’ingresso una sorta di mostra permanente mostra in vari cartelloni la storia della Breda e di Pistoia.
  6. I festival
    Pistoia non è diventata capitale della cultura per caso. Nella città si svolgono almeno due festival importantissimi. Il primo è a fine maggio e si chiama Dialoghi sull’Uomo. Per 3 giorni tanti luoghi della città e i tendoni appositamente allestiti di piazza del Duomo diventano forum di conferenze e discussioni sui temi più vari, il titolo dell’edizione 2016 che si svolgerà dal  27 al 29 maggio sarà: L’umanità in gioco. Partecipano ospiti italiani e internazionali di grande prestigio, gli incontri sono quasi tutti a pagamento e affollatissimi di pubblico.
    L’altro festival è musicale, ha una ragguardevole età, è molto conosciuto: si tratta di Pistoia Blues, appuntamento estivo con i nomi più interessanti della scena internazionale e non solo blues. Pistoia Blues “suona” in piazza Duomo, sotto il cielo stellato; ma tutto il centro si riempie di musicisti, singoli o in gruppo, che offrono ai presenti spettacoli estemporanei. L’edizione 2016 è prevista dal 12 al 16 luglio con Skunk Annasie, Damien Rice e altri.

© 2016 - Riproduzione riservata

Mini guida

48 ore a Volterra, la Toscana per 3 giorni low cost

Tre giorni tra Volterra, San Gimignano e la Val d'orcia

Volterra è uno dei Borghi della Toscana più amato dagli italiani e anche dai turisti. Volterra è un luogo ricercatissimo, non solo perché davvero...

Iscriviti alla Newsletter di Viaggi Low Cost

Iscriviti alla Newsletter di Viaggi Low Cost

Vuoi diventare un viaggiatore low cost e ricevere tutte le settimane in anteprima i consigli e i trucchi dei viaggiatori del Magazine per risparmiare in viaggio?Iscriviti alla Newsletter e unisciti agli altri 2000 viaggiatori che hanno scelto di viaggiare di più spedendo di meno!