Paestum e Agropoli, weekend low cost di arte - Viaggi Low Cost

Paestum e Agropoli, weekend low cost di arte

Paestum e Agropoli, weekend low cost di arte

Weekend a Paestum e Agropoli, tanti consigli low cost per visitare le bellezze architettoniche del Cilento e indicazioni su dove mangiare e dove dormire a poco prezzo in Campania, leggi il post.

di , | Cosa Fare

Booking.com

Paestum con l’area archeologica, Agropoli e tutta la costa del Cilento sono delle mete perfette per una vacanza anche breve, anche invernale. L’area archeologica non ha bisogno di presentazioni, si tratta di uno dei siti più  importanti della Magna Grecia: Poseidonia, fondata nel 7° secolo a.C.

SAMSUNG CAMERA PICTURES

L’ingresso all’area archeologica e al Museo è possibile ogni giorno, dalle 8.45 al tramonto (orario variabile secondo le stagioni) e costa 7 euro. Se si acquista un biglietto per accedere anche all’area archeologica di Velia si paga 1 euro in più.

La visita dell’area è un viaggio nel tempo grazie agli splendidi templi, conservati perfettamente e maestosi (il tempio di Nettuno, la Basilica e il tempio di Cerere) ma anche per i resti della città, prima colonia greca, poi romanizzata: anfiteatro e terme, piscina, foro, ville, interi quartieri. Ci sono pavimenti a mosaico bellissimi, si ammirano vasche in marmo per raccogliere l’acqua, colonne intere e crollate. Molto bella anche la visita al museo, dove si racconta la storia del sito, delle civiltà succedutesi e dove si trovano alcuni pezzi famosissimi, come la lastra affrescata proveniente dalla tomba del tuffatore.

SAMSUNG CAMERA PICTURES

Tutto il sito archeologico è tenuto molto bene, con prati verdi e curati, cartelli esplicativi e splendide giornate di sole, che la costa campana regala a piene mani. Paestum è ancora oggi circondata da mura possenti e ben conservate. Paestum inoltre è sul mare, in una località che si chiama, dal punto di vista amministrativo, Capaccio. La zona è molto turistica, sia per gli scavi che per la costa, che qui è tipicamente sabbiosa con pineta subito dietro la spiaggia.

Per soggiornare ho optato per un B&B che si trova in una zona tranquilla di campagna ma a poche centinaia di metri dall’area museale. Il nome è La Chora di Paestum, prezzo a camera doppia con colazione 60 euro. Mi sono trovata bene, buona accoglienza  e molti consigli da parte di Rossella, camera confortevole (tutta la struttura è nuova), colazione abbondante con torte fatte in casa. Inoltre si può parcheggiare l’auto nel giardino, che è pieno di fiori e begli alberi, perché la casa è una colonica rinnovata. La Chora si trova in via Laghetto a Capaccio.

paestum-La Chora di Paestum

paestum-La Chora
Ci sono molte strutture ricettive a Capaccio, ma il centro abitato non ha molta attrattiva, le costruzioni sono recenti e certamente non dei capolavori. Anche per mangiare la scelta può essere vasta, visto che siamo in zona turistica. Per la cena sono stata al ristorante La Pergola, un locale dove tutti gli ingredienti e i piatti sono ricercati e di grande qualità. Non si tratta di un posto low cost, ma mi sento di consigliarlo perché l’atmosfera è piacevole (un grande camino acceso nella sala principale), la tavola bene apparecchiata, si può mangiarci anche  solo una buona pizza , oppure scegliere fra piatti più ricercati e una vasta carta dei vini.

Del resto pizza e mozzarelle qui si trovano a ogni passo e tutte di buona qualità. Se poi da Paestum vi spostate di poco, andando verso Agropoli, troverete un borgo caratteristico e un luogo dove esplorare ulteriormente la cucina locale. Ampie zone di questa cittadina sono chiuse al traffico e pedonalizzate; le sue bellezze, oltre al mare (Bandiera Blu, come molte altre località del Cilento) sono l’antico borgo sulla acropoli (da cui il nome) dove si può visitare il Castello Angioino Aragonese e il centro storico.

Agropoli è senz’altro il punto di partenza per l’esplorazione della costa cilentana, che si allunga verso sud fino a Marina di Camerota con panorami mozzafiato su un mare cristallino e borghi deliziosi.

piazzetta

Ad Agropoli ho sperimentato un ottimo locale dove prendere un aperitivo: si chiama Certe Notti e si trova in via Patella, la strada in salita che raggiunge la porta seicentesca delle mura del vecchio borgo. Una strepitosa carta dei vini e stuzzichini “fatti da mamma” veramente gustosi : scordate le solite patatine.

Per mangiare invece un indirizzo sicuro è, sempre nel borgo antico, La Piazzetta: tanti tavoli fuori per cenare all’aperto in estate e due salette dove accomodarsi durante la stagione fredda per gustare pizze meravigliose, non troppo alte e servite in vassoi di vimini, oppure i primi della tradizione campana, sia di carne che di pesce che di verdure. Ambiente rustico ma veramente low cost.

La prima foto è di Mazzafoto.com

Booking.com

© 2015 - Riproduzione riservata

Mini guida

48 ore a Firenze, weekend low cost in Toscana

Weekend a Firenze? Cosa vedere in tre giorni

Firenze è una delle città più belle d'Italia, una città che i turisti prendono d'assalto ogni inizio primavera fino alla fine dell'autunno e a...