Nuovo Mercato Centrale a Firenze, nuovo tempio del gusto

Mercato Centrale di Firenze, il nuovo tempio del gusto

Mercato Centrale di Firenze, il nuovo tempio del gusto

di , | Cosa Fare

Booking.com

mercato_centrale

Il Mercato Centrale di Firenze esiste dal 1874, quando Firenze incaricò l’architetto Mengoni – lo stesso della Galleria Vittorio Emanuele di Milano – di erigerlo in un’area nei pressi della chiesa di San Lorenzo. Il Mercato è letteralmente “circondato” dalle bancherelle di abiti e souvenir del più conosciuto mercato di san Lorenzo. Il Mercato Centrale è la grande struttura di ferro e muratura che dal momento dell’ apertura divenne  lo spazio dei venditori di frutta, verdura, carne, pesce e legumi della città. Mia nonna, per esempio, faceva la spesa qui ogni giorno in cerca di freschezza e qualità.

Negli anni il mercato ha mantenuto parzialmente i suoi negozi, ma la gente ha sviluppato abitudini diverse di spesa, oltre al fatto che tutti hanno meno tempo di mia nonna per dedicarsi alla cucina. Così se il piano terra aveva sempre mantenuto la presenza dei commercianti di alimentari, il primo piano era caduto in uno stato di abbandono e inutilizzo; in poco tempo  è stato trasformato in un nuovissimo spazio cittadino dedicato al cibo di qualità e agli artigiani del gusto. Da oggi il Mercato Centrale ha cambiato faccia, andando ad arricchire la città di un nuovo spazio di “bellezza e bontà” per Firenze.

Lo spazio originario è stato mantenuto nella sua bellezza di fine Ottocento, definita soprattutto dall’enorme spazio luminoso, ma la rivisitazione di design moderno si vede,  nel nuovo allestimento predominano i toni neutri e i materiali naturali come legno e vimini.  Sono sorprendenti per esempio gli enormi paralumi in vimini che pendono dal soffitto, leggeri e potenti allo stesso tempo.

Dodici botteghe selezionate vendono e fanno degustare prodotti alimentari di qualità, curati nell’origine e nella preparazione, provenienti dalla Toscana ma anche da altre regioni d’Italia. Le botteghe sono aperte, le preparazioni a vista; nel grande spazio centrale ci sono tavolini dove degustare sul luogo i cibi deliziosi appena acquistati.

Ma cosa rende il Mercato così interessante? I venditori selezionati hanno sottoscritto un disciplinare, nel quale si impegnano a raccontare la loro passione per il cibo, per come lo selezionano, per come lo preparano. Per il turista una vera “esperienza” non solo sensoriale, ma di conoscenza, di immersione nella tradizione italiana. L’idea che il Mercato ha sposato è che non solo l’arte e il paesaggio siano un patrimonio italiano, ma anche il gusto per il buon cibo.

A questo punto vorrete sapere cosa si può acquistare/degustare qui: intanto il formaggio, di tutti i tipi, poi il gelato artigianale, il pane con croissant, pizza e focaccia artigianale; le praline al cioccolato “d’artista”, la mozzarella di bufala, la carne di maiale, la pasta fresca artigianale,  il pesce, il Chianti Classico e altri vini d’etichetta, la frutta e la verdura.  Spuntini a ogni ora, panino al lampredotto, tramezzini bio, fritto da portare via. Il Mercato è dotato anche di un ristorante, un bar-caffetteria, c’è uno spazio per ogni momento di fame.

Completano questo quadro lo spazio della scuola di cucina Lorenzo de’ Medici, la libreria, lo sportello bancario e altri corner shop. Il Mercato, come detto, viene inaugurato il 23 aprile 2014 e poi sarà aperto ogni giorno dalle 10 a mezzanotte. Ingressi da via dell’Ariento e dalla piazza del Mercato.

www.mercatocentrale.it  è il sito del Mercato, ma lo trovi anche su Facebook https://www.facebook.com/ilmercatocentrale

Booking.com

© 2014 - Riproduzione riservata

Rispondi

Mini guida

48 ore a Firenze, weekend low cost in Toscana

Weekend a Firenze? Cosa vedere in tre giorni

Firenze è una delle città più belle d'Italia, una città che i turisti prendono d'assalto ogni inizio primavera fino alla fine dell'autunno e a...