Working Holiday Visa per lavorare in Nuova Zelanda, il visto

Trasferirsi in Nuova Zelanda: Working Holiday Visa

Trasferirsi in Nuova Zelanda: Working Holiday Visa

Working Holiday Visa per lavorare in Nuova Zelanda, come ottenerlo, quanto costa, quanto dura, perché è necessario farlo e a cosa da diritto, tutte le spese e molto altro ancora in questo post.

di , | Cosa Fare

Al di là delle mete più gettonate, come Stati Uniti e Australia, la Nuova Zelanda potrebbe essere la soluzione ideale per chi vuole trasferirsi e vivere un’avventura dall’altra parte del mondo. Con il Working Holiday Visa, si può!

nuovazelanda-lavoro-campi

Letteralmente dall’altra parte del mondo rispetto all’Italia, la Nuova Zelanda è come un’isola felice (anzi, due!) nel bel mezzo dell’Oceano Pacifico, a poco più di 2.000 chilometri dalla cugina Australia.

La Nuova Zelanda affascina e attira migliaia di backpackers ogni anno grazie a molte sue caratteristiche: natura incontaminata e paesaggi mozzafiato, ottima qualità della vita, stipendi tendenzialmente più alti e possibilità lavorative relativamente più numerose, burocrazia snella ed economia in forza e, infine, un elevato livello di sicurezza.

A coloro che non si accontentano di una semplice vacanza e voglio vivere un’esperienza autentica in questo Paese, il governo neozelandese mette a disposizione un visto che, potenzialmente, regala opportunità infinite: il Working Holiday Visa (WHV) o Visto vacanza-lavoro.

nuovazelanda-kiwi

Che cos’è il Working Holiday Visa

Giovani viaggiatori che desiderano conoscere la cultura neozelandese in modo approfondito, oppure che sono alla ricerca di un’esperienza lontani da casa, un lavoro e uno stile di vita migliore: ecco il target ideale del Working Holiday Visa, disponibile per circa trenta Paesi –tra cui l’Italia- che hanno stretto accordi con la Nuova Zelanda.

Il WHV è un visto flessibile e “multiuso”, perché permette di:
Lavorare
Purtroppo non più di 3 mesi con lo stesso datore di lavoro, ma è comunque possibile trovare buoni lavori temporanei che permettono di fare un’esperienza, accrescere le proprie competenze e mettere da parte qualche soldo. I lavori più frequenti sono all’interno dei settori della ristorazione e dell’hospitality, oppure dell’edilizia o dell’agricoltura/allevamento. Esistono però anche altre occasioni, come all’interno di negozi, agenzie o aziende, oppure in veste di ragazza/o alla pari presso una famiglia locale.

nuovazelanda-tempo

Studiare
Lo si può fare in qualsiasi istituto che accolga studenti stranieri, e per un massimo di 6 mesi. Un’occasione unica per acquisire nuove conoscenze in moltissimi diversi ambiti di studio e di preparazione professionale.

Viaggiare
Naturalmente! Con il WHV si può viaggiare ovunque nelle due isole della Nuova Zelanda, senza alcuna restrizione. Durante la durata del visto, si può anche entrare e uscire dal Paese ogni volta che lo si desidera.

Il Working Holiday Visa è un visto esclusivamente temporaneo e, per i cittadini italiani, ha una durata di 12 mesi -a partire dal giorno in cui si mette piede sul territorio neozelandese-; può essere rinnovato per altri 3 mesi se si prova di aver lavorato per un periodo di tempo all’interno del settore agricolo o vitivinicolo.

nuova-zelanda-viaggio

Quali sono i requisiti per ottenere il WHV in Nuova Zelanda

Servono pochi ma specifici requisiti per poter essere idonei alla richiesta del Working Holiday Visa:

1. Avere un’età compresa tra i 18 e i 31 anni;
2. Essere in possesso di un passaporto che abbia validità di almeno 6 mesi dal momento in cui si entra in Nuova Zelanda;
3. Soddisfare i requisiti di salute e di buona condotta (ciò significa, in buona sostanza, non avere gravi malattie infettive e vantare una fedina penale pulita);
4. Possedere un biglietto di ritorno (o soldi a sufficienza per acquistarne uno);
5. Possedere i fondi necessari al proprio mantenimento; la cifra standard, in questo momento, è fissata a 4,200$ (circa 2.700€);
6. Aver stipulato un’assicurazione sanitaria che copra l’intero soggiorno in terra neozelandese (si può acquistare un’assicurazione tramite diverse compagnie private, anche online);
7. Non avere figli né partner a carico, perché il WHV è a titolo strettamente personale.

nuova-zelanda

Alcuni di questi requisiti devono essere specificati al momento della richiesta del visto. In dogana, raramente vi verrà chiesto di fornire una prova di quanto denaro possedete, ma è sempre meglio partire preparati e attenersi alle regole!

Come ottenere il WHV per la Nuova Zelanda

I cittadini italiani possono richiedere il Working Holiday Visa solo online, accedendo al sito ufficiale del governo neozelandese.
La procedura è molto semplice e snella. Prima di tutto, occorre registrarsi al suddetto sito, scegliendo username e password. Poi, con passaporto e carta di credito alla mano, si passa alla compilazione del modulo, operazione che richiede non più di 15 minuti (ma un minimo di conoscenza dell’inglese è necessaria!); al termine, si effettua il pagamento online. Se tutto va bene, l’email di conferma impiega meno di una settimana ad arrivare e, a quel punto, il visto in formato elettronico sarà visibile sul proprio account, pronto da scaricare e stampare.

nuovazelanda-paesaggi

Al momento, il costo del Working Holiday Visa per la Nuova Zelanda ammonta a 170$, a cui si aggiunge una tassa di 38$, per un totale di 208$ (circa 130€). Con il visto, l’assicurazione sanitaria e qualche risparmio nella carta di credito, si è pronti per una nuova avventura nella terra dei kiwi.

© 2016 - Riproduzione riservata

commenti

Mio figlio lo sta per fare… grazie del post!

franzahahn

dicembre 1, 2016 | Rispondi | report

ciao

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

riceverai una notifica via email non appena ti risponderemo