Natale in Salento, le tradizioni tipiche, le luminarie e la gastronomia

Natale in Salento, le tradizioni tipiche

Natale in Salento, le tradizioni tipiche

Il Natale in Salento, ecco tutte le tradizioni che iniziano a novembre, le luminarie e la gastronomia delle feste, cosa fare e come divertirsi in Puglia sotto le festività di Natale.

di , | Cosa Fare

Il Salento, destinazione estiva ormai d’eccellenza non solo per gli italiani, è un luogo profondamente intriso di cultura e tradizioni. Forse meno conosciute ai turisti, che si recano con lo spirito di trascorrere una vacanza al mare e divertirsi, ma le sue usanze sono tuttora mantenute vive dagli autoctoni.

salento-albero-natale

Tra queste, il Natale è sicuramente la festività più sentita ed è innanzitutto un momento di aggregazione e unione della famiglia e amici, sempre più importante a causa dell’esodo di molti salentini dalla propria terra. Il periodo natalizio è perciò un periodo congeniale per vivere e visitare il Salento in un’ atmosfera diversa.

Il Natale è tutt’oggi la festa da trascorrere con i propri cari: io stessa, salentina ma residente all’estero da qualche anno, non manco di prendere un volo per trascorrere quei giorni con la mia famiglia.

salento-albero

Le tradizioni natalizie in Salento riguardano sia l’aspetto folcloristico che quello culinario. I preparativi per gli addobbi natalizi iniziano ben presto: solitamente dopo il ponte dell’1 novembre, le vetrine dei negozi si riempiono di luci e si inizia a pensare ai regali da fare. Le piazze di molti paesi prendono vita e colore con l’albero di Natale (lo scorso anno, Lecce vantava l’albero di Natale totalmente costruito con luminarie più alto al mondo).

Poiché il clima in Salento è piuttosto clemente, un albero è stato eretto in uno dei lidi più popolari a Porto Cesareo, riproducendo così “un altro Natale” con tanto di sole, ombrellone e lettino.

salento-dolci-natale

La preparazione di cibi tipi del periodo natalizio è un pensiero che assilla le nonne salentine ben presto. Le pietanze immancabili sono le pittule, polpette di pasta lievitata fritte nell’olio, e i purceddhruzzi, dolce simile a gnocchetti fritti e ricoperti di miele, la cui forma dovrebbe ricordare quella di piccoli porcellini, a cui deve il nome.

Solitamente, il 7 dicembre, vigilia dell’Immacolata, molte famiglie ancora osservano il digiuno, con l’unica infrazione di consumare il pranzo con una puccia, pane bianco e spugnoso, condito con tonno e capperi e le pittule.

salento-dolci

Il cenone della Vigilia è un’istituzione. I preparativi iniziano già qualche giorno prima, la tavola viene imbandita con vettovaglie di colore rosso e argento/oro, e si serve un menu a base di pesce: spaghetti con le cozze o risotto ai frutti di mare; la tradizione vuole il baccalà come secondo e innumerevoli contorni.

Ulteriore usanza culinaria della Vigilia è anche il pesce di pasta di mandorla, che deve origine alle suore dedite alla preparazione del dolce nei conventi durante il periodo natalizio. Ma anche le cartellate non possono mancare: dal nome incartocciate e dalla forma arabesca, sono un dolce di pasta sfoglia condito con miele e canditi.

salento-presepe

Mentre molte famiglie si recano in chiesa per la messa della sera in attesa della nascita di Gesù, molte altre aspettano in casa, deponendo alla mezzanotte il Bambino Gesù nel presepe e scambiandosi gli auguri. Suggestiva è la messa serale al Duomo di Lecce, in latino.

Se in famiglia ci sono bambini, si aspetta l’arrivo di Babbo Natale (un uomo della famiglia acconsente a travestirsi) e si coglie l’occasione per scambiarsi i regali sia tra i bambini che tra gli adulti. I bambini poi recitano le preghiere imparate a scuola auspicando generose mance dai familiari.

Solo dopo aver terminato la serata in famiglia, le piazze e le case si riempiono di gente per scambiarsi auguri tra amici e giocare a.

salento-natale-luci

Durante tutto il periodo natalizio, infatti, ci si ritrova per giocare a carte e la tradizionale tombola.

Il pranzo del giorno di Natale è a base di carne: dopo una classica pasta al forno o al sugo/ragù, l’agnello con le patate è il pezzo forte del Natale. Il 26, il girono di Santo Stefano, molte famiglie si concedono un brodo depurativo dopo le abbuffate dei giorni precedenti. Per le famiglie più tenaci, c’è ancora spazio per un altro pranzo.

Oltre ai tipici mercatini che offrono prodotti artigianali, usanza tutt’oggi radicata sono i presepi viventi. Quello più grande è a Tricase: curato nei minimi dettagli, si ha la sensazione di immergersi realmente nel periodo rappresentato.

© 2016 - Riproduzione riservata

Mini guida

Torino, cosa fare nel weekend

Cosa vedere a Torino in tre giorni

Un weekend a Torino di 48 ore è un weekend che va dal venerdì sera alla domenica pomeriggio. Il modo migliore per vedere la città al completo,...

Meteo

Puglia
C
% humidity
wind:
H • L

Iscriviti alla Newsletter di Viaggi Low Cost

Iscriviti alla Newsletter di Viaggi Low Cost

Vuoi diventare un viaggiatore low cost e ricevere tutte le settimane in anteprima i consigli e i trucchi dei viaggiatori del Magazine per risparmiare in viaggio?Iscriviti alla Newsletter e unisciti agli altri 2000 viaggiatori che hanno scelto di viaggiare di più spedendo di meno!