Marylebone road a Londra il quartiere dei vip

Il quartiere Marylebone di Londra

Il quartiere Marylebone di Londra

di , | Cosa Fare

Booking.com

Marylebone

Se vi trovate a Londra e state facendo shopping nella trafficatissima Oxford Street, e magari siete stanchi di spintonarvi tra i turisti che affollano i negozi e i grandi magazzini, concedetevi una deviazione verso nord e visitate il quartiere di Marylebone che è poco conosciuto al largo pubblico ma merita di farci un giro.

All’altezza della fermata della metro di Bond Street si imbocca James Street, una via piena di locali, ristoranti e pub e dove avrete solo l’imbarazzo della scelta se volete fermarvi per uno spuntino.
Proseguendo sempre verso nord imboccherete Marylebone High Street e vi accorgerete che lo scenario cambia: meno traffico, meno turisti, più londinesi, piccoli negozi, boutique, profumerie, librerie.

Gli imponenti palazzi in mattoni a vista lasciano immaginare sofisticati interni, sembra sia uno dei quartieri più lussuosi ed esclusivi della capitale britannica, tanto che ha visto illustri personaggi abitare da queste parti, da Madonna a John Lennon, da Paul McCartney a Sienna Miller.

Tra i negozi interessanti da segnalare ci sono Daunt Books, una grande libreria specializzata in viaggi, dalla struttura e l’arredo simile a quello di una di quelle biblioteche in cui passare ore a leggere e sfogliare libri.
Un altro negozio interessante in cui perdersi è The Conran Shop, un grande spazio espositivo diviso su tre piani in cui poter acquistare pezzi d’arredo, oggettistica per la casa, biancheria e accessori. Tra le attrazioni segnalate fino a qualche mese fa c’era anche il ristorante Cotidie, aperto da Bruno Barbieri e che aveva raggiunto ben 7 stelle Michelin, locale che però lo chef italiano ha ceduto, lasciando così la capitale britannica priva di uno dei personaggi che meglio ha esportato l’italianità nel mondo.

Invece tra le attrazioni turistico/culturali ci sono da segnalare il museo Madame Tussauds, in Marylebone Road, dove ci sono quasi sempre lunghe code per entrare a vedere il museo delle cere più famoso del mondo e, poco lontano, il museo di Sherlock Holmes, tappa imperdibile per gli appassionati del personaggio inventato da Sir Arthur Conan Doyle.

Se poi volete fare una pausa potete fermarvi nel bellissimo ed enorme Regent’s Park, uno dei parchi più grandi di Londra, per poi proseguire il vostro itinerario in una delle capitali europee che offre il maggior numero di attrazioni e interessi.

Booking.com

© 2013 - Riproduzione riservata

Rispondi

Mini guida

48 ore a Londra, mini guida per 3 giorni low cost

Cosa vedere a Londra in 3 giorni

Quando un uomo è stanco di Londra è stanco della vita, diceva Samuel Johnson e noi siamo d'accordo con lui. Stancarsi di Londra è praticamente...