Louisiana: le piantagioni più suggestive da visitare

Louisiana: 5 piantagioni da visitare

Louisiana: 5 piantagioni da visitare

Se avete voglia di un viaggio ricco di storia e mistero, ecco il post che fa per voi. Le piantagioni più belle da visitare in Louisiana, sud-est degli Stati Uniti.

di , | Cosa Fare

Booking.com

La Louisiana per me è da sempre uno Stato affascinante, ancora di più da quando ci ho vissuto 6 mesi e ho potuto viverla intensamente. Terra che nell’immaginario è tutta paludi, Voodoo e Jazz, in realtà è molto di più, è un luogo ricco di storia, fascino e mistero. Ci sarebbe molto da dire, ma vorrei iniziare a raccontarla da un aspetto che sin da prima della mia partenza mi ha affascinato.

Lousiana: le celebri piantagioni

La Lousiana, così come gli altri stati limitrofi del sud degli States, è stata un territorio ricco commercialmente parlando. Complice la presenza del celebre Mississippi River, navigabile e sfruttato tutt’oggi e una terra fertile con spazi ampi, a perdita d’occhio. Sono solo alcuni degli ingredienti che hanno contribuito alla sua storia e hanno permesso la nascita delle celebri piantagioni, tuttora visitabili e testimoni del passato commerciale, ma schiavista statunitense.

1. Oak Alley: la più fotografata della Louisiana

La mia piantagione preferita? Si trova a Vacherie ed è stato il primo luogo che ho inserito nella lista di cose da vedere, si tratta forse delle più conosciute e fotografate: Oak Alley.
Un nome che nasce dal punto più scenografico della piantagione, il suo viale di 28 querce centenarie che incorniciano perfettamente una meravigliosa villa, la casa padronale.

Le querce raggiungono i 240 metri di altezza, sono state piantate nel XVIII secolo e sono ancora il punto più visitato e più gettonato, soprattutto per le proposte di matrimonio! Da non perdere assolutamente la visita interna alla villa padronale: le guide, vestite in abiti d’epoca, racconteranno la storia della villa, dei suoi proprietari e le curiosità. Lo sapevate che per far capire ad un ospite che era giunto il momento di partire, bastava servirgli un ananas intero?

2. Myrtle Plantation

A St. Francisville si trova Myrtle Plantation, una delle case più infestate d’America, la più indicata per i temerari, coraggiosi e poco suggestionabili.
Si dice che tra le sue ventidue stanze abitino dodici fantasmi, che tra le sue mura siano avvenuti ben dieci omicidi e che la villa sorga su un antico cimitero indiano. Nonostante la sua nomea paranormale attiri la maggior parte dei visitatori, la casa padronale è un gioiello architettonico edificato nel 1796 e per la maggior parte ancora originale.

3. Laura Plantation

Sempre a Vacherie si trova Laura Plantation, costruita nel 1805 da Guilliem Duparc per la produzione della canna da zucchero. La visita guidata permette di ripercorrere la storia di quattro generazioni di una famiglia Creola.

4. Evergreen Plantation

La prima cosa che si nota di Evergreen Plantation è il suo imponente scalone, che pare uscito da una favola di principesse. Invece ci si trova nel complesso meglio preservato del sud degli Stati Uniti. Non solo si può visitare la splendida villa, ma anche la doppia fila di 22 case degli schiavi, forse ancora più suggestive perché circondate dai tipici salici, a contrasto con lo splendido French Parterre simmetrico e curato riservato ai padroni.
Inoltre all’interno della proprietà si trovano due piccionaie, l’abitazione degli schiavi domestici, la stalla e la rimessa delle carrozze.

5. Nottoway: la piantagione più estesa della Louisiana

Anche Nottoway Plantation ha la sua particolarità: è infatti la piantagione più estesa con 4900 mq. Costruita nel 1859 ha ben tre piani, 64 stanze con 165 porte e 200 finestre. Colonne, marmi, lampadari in cristallo Baccarat e una sala da ballo tutta bianca affascinano ancora i visitatori.

La villa era unica nel suo genere, sia perché una volta ultimati i lavori vennero distrutti i progetti dell’architetto per evitare il sorgere di strutture simili, sia perché disponeva di comfort moderni e all’avanguardia quali acqua corrente calda e fredda, bagni dotati di sciacquone, illuminazione a gas ed una complessa struttura di chiamata per i servitori.
La proprietà di quasi 13 ettari, ha possibilità di alloggio in una delle 40 camere e 2 suites, è utilizzata come location per molti matrimoni e offre una varietà di strutture e punti di ristorazione.

Se state organizzando un viaggio a New Orleans, assicuratevi di non perdere l’occasione di visitare una delle piantagioni e tornare indietro nella storia!

Booking.com

© 2017 - Riproduzione riservata

Mini guida

Mini guida di New York, seconda parte

Cosa vedere a New York in sette giorni e dieci giorni - seconda parte

Dopo aver girovagato per cinque giorni a New York, prima parte della guida, passiamo subito alla seconda parte con i giorni dal sesto al decimo....