Joe to go, quando low-cost significa solidarietà in Cambogia - Viaggi Low Cost

Joe to go, quando low-cost significa solidarietà in Cambogia

Joe to go, quando low-cost significa solidarietà in Cambogia

di , | Cosa Fare

Booking.com

the-art-store-opposite

Chiunque si appresti a compiere per la prima volta un viaggio turistico in Cambogia si appresta allora a visitare la magnificenza dei templi di Angkor Wat, pernottando nel più vicino centro abitato, Siem Reap. Passeggiando per le caotiche strade e stradine di questa cittadina, tra centinaia di “tuc-tuc” che sfrecciano davanti agli occhi o risuonano nelle orecchie, tra uno scroscio di pioggia e l’altro, tra la policromia delle cerate indossate dai guidatori di motorini e la polifonia delle voci, tra gli odori di carne arrostita e di spezie che aleggiano nell’aria a tutte le ore del giorno e della notte, finirete per trovarvi inevitabilmente nei pressi del vecchio mercato.

E proprio a nord/ovest del mercato, dietro al Caffè Centrale, il vostro sguardo, le vostre orecchie e le vostre narici troveranno requie. Grazie a un luogo nascosto ai più, aperto sette giorni su sette: Joe to go Restaurant e Boutique. Joe to go lo scopri solo entrandovi, quando varchi la soglia e ti sembra di ritrovare quello che avevi già visto a Parigi, ma troppo a caro prezzo, e quello che hai già visto altrove in Indocina, ma non con questa raffinatezza. Ed è allora che ti accorgi degli abiti e degli accessori attaccati ai muri del ristorante. Adesso che ci pensi: ma è tutta qui la boutique? Poi vedi le scale, la freccia “beau fou boutique” che indica il piano di sopra e, ovviamente, sali. Ed è allora che ti si apre davvero un mondo, Beau Fou in senso letterale: collane e portagioie in seta colorata, ventagli in legno dalla foggia inusitata, simili a girandole. E colori, tanti colori: rossi e viola, gialli e verdi. E ancora abiti simil-parigini, borse e borsette, quaderni, porta-biglietti da visita rivestiti in seta e chi più ne ha più ne metta.

A prezzi da anni Ottanta. Ma la cosa più sorprendente ancora è scoprire che tutto questo è equo-solidale, realizzato a mano da ragazzi e ragazze cambogiane e dalle loro famiglie in difficoltà, “raccolti dalla strada” dall’associazione The Global Child, da questa scolarizzati e poi instradati al lavoro. Ed ecco che, a guardare bene, anche i ragazzi del piano terra che stanno al banco del caffè-ristorante sono davvero giovanissimi. E anche la commessa della boutique al piano superiore. Assaggiare i cibi del ristorante (eccezionale, nel suo mescolare il ricercato esotismo dei sapori asiatici con la rassicurante familiarità di quelli occidentali) Joe to go e acquistare gli articoli della sua boutique aiuta a perseguire la missione di The Global Child. E a sentirci meno in colpa nel fare shopping.

Booking.com

© 2013 - Riproduzione riservata

commenti

Ho vissuto 8 mesi in Cambogia ma non conoscevo questo posto interessante, grazie! Anche a Phnom Penh è possibile trovare luoghi simili in cui mangiare o fare shopping solidale, e la vacanza acquista un altro sapore.

Eli

febbraio 16, 2013 | Rispondi | report

    Verissimo, ho visto un posto simile anche io a Phnom Penh! Cambogia e Vietnam sono pieni di posti solidali, fortunatamente. Contenta di esserti stata utile

    costanza fabbri

    febbraio 20, 2013 | Rispondi | report

Rispondi

Mini guida

Kyoto, cosa fare in tre giorni

Kyoto, mini guida per 3 giorni in Giappone

Dopo aver visitato Kyoto in inverno ho pensato a quanto potrebbe essere incredibilmente meravigliosa in primavera. Kyoto mi è piaciuta da impazzire,...