Los Angeles: cosa fare in tre giorni nella mitica città della California meridionale

Los Angeles: cosa vedere in 3 giorni

Los Angeles: cosa vedere in 3 giorni

Los Angeles è una città mitica che attrae moltissime persone. Le colline, le spiagge, gli Universal Studios: nel post, un tour approfondito della città più amata della California!

di , | Cosa Fare

Booking.com

Los Angeles – the City of Angels – è la mitica città della California meridionale dove l’industria del cinema ha il suo cuore pulsante.

Los Angeles è enorme in estensione e terribilmente trafficata, inoltre le zone che vale la pena vedere sono lontane tra loro e mal collegate dal trasporto pubblico. Quindi considerate tempi adeguati per gli spostamenti e noleggiate un’automobile!
Quello che vi propongo è un itinerario di 3 giorni che vi permetterà di farvi solo un’idea di questa Idra dalle tante teste che è Los Angeles – brevemente detta LA.

Pronti? Si parte!

Giorno 1. Le colline di Los Angeles

Iniziamo la nostra giornata alla scoperta delle “hills”, la zona collinare di Los Angeles, da Beverly Hills ad Hollywood.
Per prima cosa vi propongo una breve passeggiata lungo Rodeo Drive, via dello shopping di lusso e cuore del quartiere più “in” di tutta la città. Vi consiglio di parcheggiare gratuitamente lungo North Crescent Drive, accanto ai Beverly Hills Gardens, e fare due passi a piedi fino a Rodeo Drive.

Vi consiglio poi di percorrere un tratto della famosa Sunset Boulevard e visitare i giardini di Greystone Mansion Park. Incantevoli e con una splendida vista sulla città. Al Mansion sono stati girati moltissimi film, divertitevi a scoprirlo nel tabellone informativo che si trova nel parcheggio del parco!

Infine riprendete l’auto per continuare su Sunset Boulevard attraverso la zona di Holmby Hills. Qui potrete vedere il susseguirsi di lussuosissime ville da sogno! Poi risalite per North Beverly Glen Boulevard fino a Mulholland Drive e percorrete tutta la strada panoramica (stretta ma molto affascinante) fino alle colline di Hollywood.

Eccola qui, il simbolo della storia del cinema… Hollywood Boulevard e la passeggiata sulle stelle che ricordano centinaia di personaggi della storia della TV, del cinema e della musica noti in tutto il mondo. Lungo questa strada ci sono il Dolby Theatre, la Capitol Records, il Teatro Cinese.

Il quartiere è un po’ kitch, ci sono tanti negozi per turisti ed alcuni negozi originali e davvero buffi stracolmi di travestimenti, costumi e parrucche inimmaginabili. Davanti al Teatro Cinese troverete improbabili personaggi travestiti da Superman o da altri characters assai noti che vorranno scucirvi qualche dollaro per una foto: fa parte dello spirito del quartiere.

Parcheggiare ad Hollywood costa moltissimo; una valida soluzione può essere quella di parcheggiare nel cuore del Boulevard, al centro commerciale Hollywood and Highland Center, proprio accanto al Teatro Cinese, consumare un caffè da Starbucks o un drink all’Hard Rock Cafè e farvi vidimare il biglietto del parcheggio in modo da pagare 2 dollari per 2 ore, tempo più che sufficiente per un giro in zona.

Griffith Observatory

Da Hollywood Boulevard prendete l’auto e preparatevi ad un bel po’ di traffico per raggiungere il Griffith Park ed il suo osservatorio. Il parco vi regalerà un’impareggiabile vista della città soprattutto nelle ore del tramonto.
Dal parcheggio potrete fotografare molto bene la scritta Hollywood. Chiaramente non fatevi sfuggire l’occasione di visitare l’osservatorio perché è gratuito… quello che pagherete salato è il parcheggio (4 dollari/ora)!

Giorno 2. L’Oceano: le famose spiagge di LA

La giornata sarà interamente dedicata all’esplorazione delle famigerate spiagge di LA; un tuffo nell’oceano e nell’espressione originale dei tanti artisti di strada, per finire nel lusso silenzioso dei quartieri più esclusivi.

Santa Monica

Famosa per il suo Pier (molo), Santa Monica è una appendice di LA sul mare, un po’ meno caotica ma sicuramente frizzante e vivace, vi intrattterrà con svariati negozi, locali e ristoranti.
Visitate il molo con il suo famoso Luna Park, fatevi due passi sulla spiaggia e non dimenticate un po’ di shopping sulla Third Promenade.
Sul molo fa bella mostra di sé uno dei più celebri segnali stradali di tutti gli USA, ovvero il punto conclusivo della leggendaria Route 66.

Come parcheggiare senza spendere una fortuna

Anche a Santa Monica il parcheggio è una questione da prendere sul serio ma qui fortunatamente la gestione è molto attenta; sul sito istituzionale dei trasporti troverete le indicazioni dei Public Parking per soste brevi e gratuite e tariffe non troppo esose.

Venice Beach

Decisamente pittoresco è il Venice Boardwalk, il lungomare ampio e lunghissimo da cui si gode una bella vista sull’oceano.
Passeggiando incontrerete tantissimi negozi per turisti con ogni genere di chincaglieria, qualche locale per mangiare, ma soprattutto un’infinita distesa di artisti di strada.
Incontrerete anche ragazzi sui pattini a rotelle e tanti skaters (c’è un bellissimo skate park al centro del boardwalk dove vi consiglio di fermarvi per ammirare le evoluzioni di questi giovani talentuosi). In questa zona potrete vedere anche la famosa Muscle Beach, dove è nata la moda californiana del fitness negli anni ’80, ed una zona dedicata all’arte del graffito.

Attenzione, se andate a Venice nel fine settimana d’estate, quando i californiani sono in ferie, troverete lo stesso affollamento delle nostre località balneari! Parcheggiare potrebbe diventare impossibile anche a svariate centinaia di metri di distanza, oltre che estremamente costoso.

Malibù

Malibù è una zona balneare esclusiva ed elegante che si estende per svariate miglia, senza un vero e proprio centro, lungo la strada panoramica costiera Pacific Coast Highway.
Sulle colline di questo lungo tratto costiero si trovano le residenze di molte stelle dello spettacolo e di personaggi del jet-set, ben mimetizzate nel paesaggio e spesso invisibili dalla strada.
Fermatevi per una birra al Malibu Pier, proprio in fondo al molo sulla terrazza del Bar.

Non perdetevi una passeggiata al Malibu Lagoon State Beach, zona di indubbio interesse naturalistico; poi date una sbirciata ai negozi di lusso del vicino Malibu Country Mart, ed arrivate fino alla famosa spiaggia El Matador, fermandovi magari anche a Zuma Beach.

Rimanete fino al tramonto, quando le ombre delle colline si allungano sulla spiaggia; il tramonto è molto suggestivo anche se il sole non si tuffa nel mare.

Per mangiare, io vi consiglio un ristorante molto carino che offre prodotti del territorio e propone piatti freschi ed originali. Si chiama Ollo e si trova di fronte al Malibu Country Mart. Ampio parcheggio disponibile, locale originale e piacevole, servizio veloce e proposte interessanti a prezzi giusti. La cucina chiude alle 22, non attardatevi troppo!

Giorno 3. Universal Studios: un viaggio dentro il cinema

Affollato ma molto ben organizzato, vi sorprenderà senza dubbio. Non solo perché avrete l’opportunità di vedere la vera Hollywood, ovvero la valle in cui risiedono gli uffici, le case ed i set dell’industria cinematografica più florida al mondo, ma anche perché scoprirete come si costruisce la magia del cinema. Vi sorprenderete per il numero di persone che lavorano nell’ombra, per la quantità e varietà di effetti speciali e per il livello di sviluppo tecnologico raggiunto.

Il tour degli studios è fantastico (ma dovete sapere l’inglese!) e le attrazioni proposte sono tutte ad alto coinvolgimento, una realtà virtuale all’ennesima potenza. Vivrete come dentro un film!

La zona del castello di Harry Potter è realizzata davvero bene ed è un paradiso per i fan del personaggio. Incontrerete il cappello magico, quadri che parlano, le candele sospese della sala centrale e addirittura la voce di Mirtilla Malcontenta nei bagni pubblici!

Gli spettacoli proposti sono tutti molto ben fatti; in particolare Waterworld è un capolavoro di effetti speciali e stuntman che vi faranno partecipare con entusiasmo ad un piccolo film, con tanto di acrobazie, esplosioni, incendi, fuochi pirotecnici e l’irruzione di un vero idrovolante nell’arena!

Alcune dritte: il parcheggio costa 25 dollari. Purtroppo spostarsi con i mezzi pubblici può essere davvero complicato.

Andate al parco presto e controllate gli orari di apertura e chiusura sul sito del parco perché variano a seconda della stagione.

Comprate i biglietti online o tramite la app: risparmiate tempo e denaro. Se volete godervi appieno il parco dovrete spendere di più acquistando il Front of Line Ticket, che vi darà accesso prioritario a tutti gli spettacoli e a tutte le attrazioni.

Quando avrete terminato la vostra goliardica giornata nel parco potrete attardarvi un poco nell’Universal Citywalk, una sorta di anticamera dell’intrattenimento al parco piena di negozi e ristoranti… c’è perfino un bellissimo cinema, Universal naturalmente!

Io mi sono trovata benissimo a fermarmi per cena in un locale stile texano proprio di fronte all’uscita, il Saddle Ranch Chop House, con tavoli all’esterno ed all’interno. Atmosfera tipica, cena ottima, ampissimo menu e prezzi medi.

Booking.com

© 2017 - Riproduzione riservata

Mini guida

Miami, cosa vedere in tre giorni

Miami mini guida, cosa fare in tre giorni

Se fosse un colore sarebbe il rosa shocking, se fosse un profumo sarebbe il pungente aroma della cannella, se fosse una musica sarebbe un sensuale...