Greve in Chianti, cosa vedere e dove dormire

Le sette meraviglie di Greve in Chianti

Le sette meraviglie di Greve in Chianti

Greve in Chianti in Toscana, le sette meraviglie da vedere per vivere un'esperienza indimenticabile seguendo i consigli per visitare la città toscana lasciandosi catturare dal fascino di una città senza tempo.

di , | Cosa Fare

Booking.com

Adagiata in una vallata tra le colline del Chianti, più o meno a metà strada tra Firenze e Siena, Greve in Chianti è una cittadina accogliente dove trascorrere qualche giorno di relax tra boschi, vigneti, uliveti e borghi medioevali. Questo paesino è un come piccolo mondo che racchiude tantissime esperienze emozionanti; visitare Greve in Chianti vi permetterà di scoprire le sue Sette Meraviglie.

Prima ancora di arrivare, potete iniziare a riempire i vostri occhi di paesaggi mozzafiato sia che veniate da Firenze attraverso la via Chiantigiana, sia che veniate da Siena passando per i borghi di Gaiole e Castellina in Chianti, sia che veniate dall’autostrada, uscendo a San Giovanni-Figline Valdarno a passando per la Strata Provinciale 16. Tutte le strade che portano in questo paesino nel cuore pulsante del Chianti sono uno spettacolo della natura: boschi verdi e lussureggianti a cui a tratti i contadini hanno rubato spazio per piantare una vigna o degli ulivi inframmezzati da casali in pietra viva dal fascino antico eppure sempre attuale. Non sarà un caso che in questa zona Sting abbia deciso di venire a vivere.

greve-in-chianti-paese-citta

Tutto il territorio è disseminato di aziende agricole che producono vino ed olio, e di strutture ricettive di ogni genere: la maggioranza sono agriturismi e bed and breakfast a conduzione familiare.

La piazza, cuore pulsante di Greve in Chianti

Il paese di Greve in Chianti è molto piccolo e raccolto attorno alla sua affascinante piazza (piazza Matteotti). La piazza ha una curiosa forma triangolare che culmina con la chiesa sul lato corto, ed è circondata da un bellissimo porticato che corre lungo i due lati lunghi. Sotto il porticato troverete ogni genere di negozio, e vale sicuramente la pena spendere una mattinata curiosando nei vari negozietti. Se poi siete a Greve il sabato mattina avrete l’opportunità di farvi un giro anche tra le bancarelle del mercato locale, che invadono allegramente tutta la piazza fino all’ora di pranzo.

Per affrontare al meglio la vostra camminata nella piazza di Greve vi consiglio di fare colazione al Bar Centrale, proprio accanto al ristorante Giovanni da Verrazzano. Qui troverete una confusionaria ma accogliente atmosfera familiare genuina perché questo è il bar dove i grevigiani vengono a prendere il caffè ed a scambiare due chiacchiere.

Greve in Chianti - Piazza Giacomo Matteotti

Sul lato sinistro della piazza (guardando la chiesa) vi segnalo una fornitissima libreria, un antiquario, un artista della ceramica, un negozio che vende meravigliosa biancheria ricamata a mano, ed paio di pizzicherie dove acquistare ogni genere di delizia alimentare.

Sul lato destro della piazza non potrete non ammirare la coloratissima esposizione del fioraio, fare un salto al negozietto subito accanto che vende eccezionali cesti intrecciati a mano, e soprattutto tuffarvi nell’arci-nota macelleria/norcineria Falorni. Il Falorni a Greve (ed in tutto il Chianti) è un’istituzione: produce salumi toscani di ottima qualità che sono noti in tutto il mondo e vi assicuro che visitare la sua bottega a Greve in Chianti è un’esperienza sensoriale che non dimenticherete.

Sul lato della piazza opposto rispetto alla Chiesa, all’angolino sinistro, troverete senza insegna e semi-nascosto il forno del paese. Ragazzi questo posto è sempre super affollato, soprattutto il sabato mattina, ma possiamo annoverarlo tra le esperienze sensoriali migliori che Greve ci regala: il pane, la focaccia ed i biscotti (i cantuccini soprattutto) meritano il premio Oscar. Passateci davanti ed il loro profumo vi lascerà senza fiato.

greve-in-chianti-colline

Immagino che lo shopping vi abbia messo fame: niente paura potete rimanere in piazza per placare il languorino. Qui avrete più alternative: se andate di fretta potete fare uno spuntino da Falorni dove degustare un bel tagliere di affettati misti accompagnato con uno o più assaggi di vino (comprando una tesserina pre-pagata con importi a scelta si possono assaggiare diversi tipi di vini messi a disposizione per gli ospiti). Se invece volete pranzare comodamente seduti potete scegliere la raffinata Osteria la Terrazza o la più casareccia Trattoria Mangiando Mangiando, affacciate sulla piazza ovviamente; in entrambi i casi vi verrà servito del cibo genuinamente del territorio di indiscussa qualità. Troverete nel primo caso un menu più raffinato e sperimentale, nel secondo un menu più vicino alla tradizione. Qualunque sia la vostra scelta garantisco che l’esperienza sarà all’altezza dei palati gourmet.

Il Castello di Montefioralle

Dopo pranzo che ne dite di una bella passeggiata? Allora riprendete la vostra auto e seguite le indicazioni per il castello di Montefioralle: immediatamente sopra al paese sorge questo incantevole borghetto medioevale dove potrete fare una breve e piacevole passeggiata ed approfittare per fotografare scorci mozzafiato, sia di Greve e della sua vallata che delle colline circostanti.

greve-in-chianti-piazza

Passeggiare tra i silenziosi vicoli di questo borgo medioevale è estremamente suggestivo: pavimenti originali in lastre di pietra, case curatissime e spesso ravvivate da colorati fiori alle finestre, ed un’atmosfera d’altri tempi in un borgo antico ma ancora abitato e vivo.

Se siete in vena di girare ancora un po’ proseguite oltre il borgo di Montefioralle impostando sul navigatore la destinazione Badia di Passignano dove troverete l’abbazia di San Michele, un monastero incastonato perfettamente nella natura e, nemmeno a dirlo, circondato da vigneti meravigliosamente disposti, così perfetti da sembrare dipinti. Sono in tutto 6/7 chilometri ma la strada è di campagna quindi ci impiegherete 15/20 minuti, o anche di più se vorrete fermarvi a fotografare il meraviglioso panorama che incontrerete.

Sentirsi a casa a Podere Campriano

A Greve in Chianti c’è un posto speciale, vicino al centro del paese ma magicamente isolato e lontano dal caos, dove potrete sentirvi letteralmente a casa. Questo posto si chiama Podere Campriano, ed è un’azienda agricola biologica che produce del vino eccezionale (perché è fatto con amore) ed ha un piccolo agriturismo che vi lascerà senza fiato. I dettagli sono tutti curatissimi, le stanze hanno meravigliosi pavimenti in legno e cotto e muri in pietra a secco; le testate dei letti sono ricavate da tronchi d’albero e tutto è studiato per accogliervi con amore ed attenzione. Nelle cantine dell’azienda vengono servite ogni mattine le colazioni a base di affettati locali, frutta fresca, pane, marmellate e torte tutto fatto in casa e freschissimo. Ma quello che vi stregherà come ha stregato me è la calorosa e genuina accoglienza di tutta la famiglia Lapini che vi coccolerà e vi farà sentire non ospiti ma una parte vitale di una grande famiglia allargata.

greve-in-chianti-dormire

A Podere Campriano ci si rigenera: si passeggia, si può fare un giro guidato dell’azienda e degustare i loro prodotti, in estate ci si può rilassare nella piscina panoramica riservata agli ospiti oppure si può prenotare un massaggio ayurvedico che vi riconnetterà con voi stessi come mai prima avete sperimentato.

Passeggiando per il Chianti: il castello di Volpaia

Dopo una bella dormita ed una colazione pantagruelica, siete pronti per iniziare una nuova eccitante giornata. Nei dintorni di Greve avete solo l’imbarazzo della scelta perché ci sono innumerevoli paesini incantevoli da esplorare: Panzano, Castellina e Gaiole solo per citare i più conosciuti. Qui potrete passeggiare piacevolmente, fare shopping nei tanti negozietti tipici e godervi l’atmosfera d’altri tempi del Chianti con calma, prendendovi tutto il tempo che volete.

Io vi consiglio di non perdervi il borgo di Volpaia, a pochi chilometri da Greve: arroccato su una collina, è un incantevole sito medioevale dove potrete anche visitare le bellissime cantine sotterranee e degustare i vini del Castello di Volpaia.

greve-in-chianti-cantina

Deviazione gourmet: Macelleria Tozzetti

Infine vi propongo una deviazione, imperdibile per gli appassionati di carni e di salumi; se vi piace mangiare sano e genuino ed avete voglia di fare scorta di prelibatezze da portare a casa non potete perdervi la Macelleria Tozzetti a Mercatale Val di Pesa. Valfredo e tutta la sua famiglia lavorano con passione in questo negozio dove potrete acquistare i migliori tagli di carne che io abbia mai visto ed ogni genere di pregiato salume. La famiglia Tozzetti sceglie personalmente la carne con cui preparare i suoi insaccati in allevamenti selezionati del senese e li lavora con perizia nel suo laboratorio: Alessandro è un maestro nel preparare prosciutti, salami, pancette ed ogni altra delizia che potete ben immaginare. Personalmente acquisto da loro la carne ed i salumi che mi faccio porzionare e confezionare in sottovuoto; la carne arrivata a casa la congelo ed ho una bella scorta per qualche mese, ed anche gli affettati durano parecchio (4 mesi almeno). Il tutto a costi pari se non inferiori a molti negozi di Roma (escludendo i discount, ovviamente). La qualità si paga, e dai Tozzetti si paga il giusto.

greve-in-chianti-paese

Le cantine di Greve in Chianti

Prima di lasciare il Chianti e tornare alle vostre case regalatevi almeno un paio d’ore nell’ultima delle sette meraviglie di Greve: le cantine di Greve in Chianti. Si trovano tra la piazza centrale ed il torrente Greve, in una piazzetta che affaccia sul retro del supermercato COOP.

Scendendo un’antica scalinata in pietra vi ritroverete in un curatissimo ambiente sotterraneo tappezzato di bottiglie di vino toscano e non solo; qui potrete degustare un centinaio di tipi di vini diversi ed acquistarne molti di più. Questa enoteca è la più fornita di tutto il Chianti, ed è piacevolissimo perdersi tra le isole di degustazione, divise per tipologia di vino, e magari sgranocchiare uno spuntino. La cantina è disseminata di piccoli tavoli in legno dove potrete accomodarvi per raccogliere i vostri appunti di degustazione e decidere quale vino acquistare, se lo vorrete (e credetemi, ve ne verrà voglia). Il tutto è organizzato impeccabilmente e potrete chiedere l’assistenza al preparatissimo personale di sala.

Come avrete capito sono una fan accanita di Greve in Chianti. Visitare questa zona della Toscana è un’esperienza indimenticabile che vi rimarrà nel cuore: io mi sono innamorata a prima vista di Greve, della sua calorosa accoglienza, dei suoi profumi e dei suoi paesaggi. Andate alla scoperta di un antico modo di vivere, sano, rilassato e cordiale e respirate l’atmosfera rilassata cadenzata dal lento scorrere del tempo: questo è possibile, davvero. A Greve in Chianti.

Booking.com

© 2016 - Riproduzione riservata

Mini guida

48 ore a Volterra, la Toscana per 3 giorni low cost

Tre giorni tra Volterra, San Gimignano e la Val d'orcia

Volterra è uno dei Borghi della Toscana più amato dagli italiani e anche dai turisti. Volterra è un luogo ricercatissimo, non solo perché davvero...