Goodmorning a Milano, dove non fare colazione - Viaggi Low Cost

Goodmorning a Milano, dove non fare colazione

Goodmorning a Milano, dove non fare colazione

di , | Cosa Fare

Good Morning a Milano si trova in Corso Italia, poco prima della metropolitana Missori e vi sconsiglio caldamente di andare a fare colazione. Il perché? E`presto detto. Il locale è molto carino, grande ed elegante, spazioso e pulito. Invitante quindi, ed è così che sono entrata. C’è anche l’insegna del free wifi, insomma, come resistere.

La nota dolente di questo posto, che ha buoni cappuccini e buone brioches è il prezzo. Il cappuccino viene 1,30€ e la brioches 1,20€ in due si spendono 5€ tondi, non troppo per una colazione, ma fuori dalla media suvvia. Il locale non è così bello da meritare questo sovrapprezzo in effetti ed è per questo che ve lo sconsiglio.

Inoltre prima di lasciare il caffè abbiamo assistito a una scena a dir poco significativa. Un signore dopo aver fatto colazione è andato a pagare e ha comprato una baguette a 1,90€. Dopo aver chiesto spiegazioni per il prezzo ed essersi sentito rispondere “se non le va bene il prezzo la lasci lì”, il signore se n’è andato amareggiato e molto deluso. Motivo in più per me, ecco.

© 2012 - Riproduzione riservata

commenti

Perciò 1,30 Euro di cappuccio e 1,20 euro di brioche sostieni che siano due validi motivi per diffamare un locale?
Premetto che non sono un sostenitore ne frequentatore del posto, ma mi sembra un intervento povero di contenuti per infangare un’attività. Voglio dire, 1,30 di cappuccio sarebbe caro? a Milano? forse perchè non hai idea di cosa costino gli affitti dei locali, dei costi di avviamento, le spese di produzione, di fornitura, per non parlare dell’iva. Se poi il prodotto è buono, visto che l’offerta di caffetterie è ampia, la qualità perchè non pagarla? Idem con patate gli altri prodotti, se fanno pagare 1,90 Euro la loro baguette è perchè si rivolgono a un target di clientela che è disposta a spenderle per averla. A conti fatti, dove sta il problema?
Mi sembra l’ennesima lamentela esposta dal consumatore italiano medio, che non vede “crisi” per avere 500 euro di smartphone da uomo d’affari (che non è), poi quando esce a cena vuole spendere poco anzichè mangiare bene, o peggio ancora pretende entrambe le cose.
Articolo approssimativo.

Andrea

dicembre 9, 2013 | Rispondi | report

    Grazie del commento Andrea. Abito a Roma dove il caffè non arriva all’euro. Capisci che non stiamo parlando di differenze sostanziali, ma di piccole cifre che però fanno capire quando un’attività può approfittarsene o meno. Detto questo non ho diffamato nessuno, ci mancherebbe altrimenti i contributi su tripadvisor come li chiamiamo? io pago io ho diritto a un servizio, se non mi piace lo dico :)

    federchicca

    dicembre 10, 2013 | Rispondi | report

ciao

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

riceverai una notifica via email non appena ti risponderemo