Firenze low cost, i consigli di Girovagate e Luca - Viaggi Low Cost

Firenze low cost, i consigli di Girovagate e Luca

di , | Cosa Fare

Firenze, perla del Rinascimento, città bellissima e carissima. Non è un luogo comune quello che la dipinge come una delle mete meno a buon mercato. Tuttavia conoscendola un pò, tenendosi a debita distanza dai circuiti più turistici, si scopre che anche qui la qualità può andare a braccetto con la convenienza.

Dove mangiare:
strong>Girovagate: Al quartiere di San Nicolò trovate alcuni posticini deliziosi per una sosta dai sapori tipici toscani: dal Vinaino potete ad esempio gustare una delle bruschette della casa (buonissime quelle ai funghi porcini o al prosciutto toscano). Ma se volete conoscere la Firenze più verace rimanete su questa sponda e proseguite verso Santo Spirito e San Frediano. Qui troverete botteghe di artigiani e antiche trattorie. Per un pranzo veramente low cost è imbattibile il ristorante da Sabatino (proprio accanto a porta San Frediano), mentre se optate per uno spuntino veloce, allora non potete non assaggiare la schiacciata all’olio di uno dei tantissimi forni che trovate in giro. Dal famoso (e caruccio) Pugi che ne ha aperto uno anche in piazza San Marco al Forno Galli, anch’esso presente in molti punti della città, anche poco prima di piazza Santo Spirito, uno dei ritrovi più frequentati delle sere estive.

Luca: Un posto dove andar a mangiare e spendere veramente poco (per Firenze) è A Casa Mia, un posto alla mano, qualità normale ma considerando il prezzo è più che onesto.

Girovagate – Bistecca: Se è la bistecca che volete mangiare, sappiate che la spesa non potrà essere troppo low cost, ma la troverete tenera e succulenta a prezzi onesti da Boccanegra: ambiente rustico, cameriere/sommellier simpaticissimo. Il locale lo trovate vicino piazza Santa Croce, davanti al teatro Verdi Altri buoni indirizzi a prezzi bassi sono Il Contadino in via Palazzuolo (menù intorno ai 10€ a pranzo e cena) e I’Toscano in via Guelfa, zona centro.

Pizza – La sera volete concedervi una pizza? Una delle più buone è Spera, in via Cernaia, ma a non tutti piace l’ambiente semplice, le tavolate e l’affollamento onnipresente, lì trovate anche la pizza vincitrice del 1° premio ai campionati del mondo del 2005, Elena, 3 gusti in una pizza sola. Alta, soffice, alla napoletana. E scelta piuttosto ampia. Del resto li si va per mangiare solo la pizza, non c’è altro nel menù, ma è già un’impresa lasciare il piatto vuoto.

Proprio in centro, una delle più apprezzate è il Caffè italiano: qui la scelta è ancora più ristretta. Solo 3 pizze (Marinara, Margherita e Napoli) ma è a prova di intenditori. Con 10 € per una pizza, coperto e da bere ve la cavate in entrambi i posti.

Se volete invece una pizza un pò diversa, più sottile ma non meno buona, appena fuori dal centro vicino Porta al Prato ha aperto da 7 mesi I Templari: prezzi buoni (una margherita da 5 €) e qualità elevata. La pasta viene fatta lievitare per 2 giorni ed è composta da una miscela di grani duri e Kamut, squisiti i dolci (da 3.5 a 4.5 €, più cari ma ne vale la pena).

Aperitivo – Per l’estate da non perdere è un aperitivo su una delle terrazze con vista su Firenze: molto trendy è il Kitsch vicino piazza Beccaria (8,50 € per un aperitivo a buffet con vasta scelta) mentre in centro, dietro piazza della Signoria, una buona scelta è l’Angel: arredamento moderno che contrasta con le volte affrescate, elegante senza esagerazioni, abbastanza tranquillo, solo 6 €.

Gelato – Un gelatino per combattere il caldo torrido? Non solo per l’ottimo rapporto qualità/prezzo, ma proprio perchè è buono buono, consiglio la gelateria alla Carraia, l’unica in centro a Firenze dove ci sono coni a 1 euro. E non sono miniconi… si possono scegliere fino a 2 gusti (il gelato a 2 euro è molto abbondante) e se non l’avete mai assaggiato provate il Buontalenti.

Per rilassarsi:
Luca: Per quanto riguarda i parchi, un bellissimo posto da visitare (appena fuori Firenze, a circa 10 km) è il parco di Villa Demidoff. Il parco è gratuito e all’interno si può trovare il gigante dell’appennino del Giambologna.

Altro parco dove andare per sfuggire all’afa di Firenze è il giardino di Villa il Ventaglio, proprio in Firenze. Anche questo è gratuita.

Dove dormire: Una delle bellezze di Firenze sono senza dubbi le sue colline. Dormire quassù e vedere la mattina tutta Firenze dev’essere spettacolare, ma anche dormire nel centro storico di Firenze ha i suoi vantaggi. In entrambi i casi i lati positivi sono immaginabili, dipende solo che tipo di vacanza si cerca. In ogni caso per dormire bene un b&b a Firenze è sempre l’occasione per conoscere persone del luogo che possano consigliarci anche sulle attività da svolgere in città, non male no?

La mini guida di Firenze è fatta in collaborazione con Girovagate e Luca.

© 2011 - Riproduzione riservata

commenti

Viva la democrazia, bene ospitare nei propri spazi tante opinioni. Viva l'espressione del gusto individuale, certo.
Però… Confesso: io concordo con pochissimo di quello che hanno segnalato i ragazzi. In qualche caso, per nulla: pizze, gelati, fiorentina, indirizzi low… ci sono dei grossi vuoti, ci sono indicazioni che per me non valgono davvero…
Ma ho un difetto, enorme: io ci lavoro, con l'enogastronomia. Faccio il giornalista, e me ne occupo da anni. Mangio per lavoro da anni.
Eccolo, il difetto: secondo me, per segnalare e dare suggerimenti bisogna anche avere titoli.
Tutto qua, in amicizia.
paolo

paolo

agosto 2, 2011 | Rispondi | report

Ciao Paolo,

credo sia normale non condividere sempre a pieno le opinioni degli altri, anche e soprattutto quando si tratta di cibo.

Queste Mini Guide sono state fatte in collaborazione con gli utenti. Io personalmente sono stata in un solo ristorante di Firenze (a cui ho dedicato anche un post) da Sabatino, per me ottimo.

Quello che si propone di fare questo blog è quello di dare indicazioni, su luoghi (bar, ristoranti, musei, hotel, spa e tutto il resto) che in un viaggio possono rientrare nella sfera del low cost.

Chi scrive queste Mini Guide, del resto come me, è spesso un viaggiatore comune, che no, non ha titoli. Esce, gira, mangia e spesso segnala i luoghi che lo hanno maggiormente colpito, condividendoli.

Accetto comunque con piacere il tuo commento e ti invito, se vuoi, a mandarmi quelli che tu, come professionista, intendi per luoghi low cost di Firenze, o di qualsiasi altra città.

Fammi sapere.

Federica

agosto 2, 2011 | Rispondi | report

Ciao Paolo,
Vedi il bello dei travel blog e' proprio questo, scoprire luoghi spesso non considerati dai professionisti del settore.

Scrivere recensioni e consigli fino a qualche anno fa era una peculiarita' riservata ai critici che pubblicavano libri e guide, ma oggi la recensione si cerca in rete sui portali e magari ci si aspetta che a scriverla sia qualcuno che ha vissuto un'esperienza simile a noi.

In conclusione, almeno secondo me post così, andrebbero scritti per ogni città', ogni comune lasciando proprio come fa federica la possibilità di far comporre ai lettori la selezione dei luoghi, lasciando da parte le formalita' di un critico e cogliendo le peculiarita' che la gente comune può rilevare in ogni ristorante,gelateria, bar

Luca

agosto 2, 2011 | Rispondi | report

@Paolo: credo sia scontato che le recensioni sui blog non servano a una mazza, se non a chi ha un blog per racimolare due lire con Adsense e fare un po' di conversazione frivola. Nessuno di noi che leggiamo le opinioni sui blog si aspetta che abbiano una qualche valenza. Sono fuffa & cazzeggio ed è giusto prenderla così.
In ditta abbiamo una cucina, siamo tutti under 33. I miei colleghi di ufficio pranzano sempre con cibi scadenti da friggere, sughi pronti, troiai da bambini tipo Sofficini ecc.. Quello che per loro è buono per me è schifo immangiabile, e viceversa. E' ovvio che non si può sapere come sia educato il palato di chi scrive, per quello esistono i critici gastronomici (da cui si pretende una elevata competenza).

Marco

Anonymous

agosto 2, 2011 | Rispondi | report

Ciao Marco,

non dubito della professionalità e della competenza di certi critici gastronomici, come a questo punto mi aspetto da Paolo, dato il commento….ma non credo che io, o i ragazzi che scrivono su questo blog abbiano consigliato locali dove vengono serviti bastoncini findus o cose simili.

I blog non sono di certo solo luoghi dove parlare di fuffa, ma viste le premesse del tuo commento forse non credo ti interesserà sapere altro.

Federica

agosto 2, 2011 | Rispondi | report

Luca mi ha preceduto,
avrei scritto esattamente le stesse cose, e non perchè come lui sono "parte in causa" in questo frangente.

Mi permetto di aggiungere che ormai è una questione vecchia… comprendo il risentimento degli specialisti del settore, dei critici di professione, dei giornalisti ecc ed anche quello dei ristoratori che leggono le opinioni non sempre positive (e non sempre competenti) che i clienti lasciano non solo sui travel blog ma anche sui vari Social, su Tripadvisor, su 2spaghi e simili,
ma sempre più persone cercano proprio questo: l'opinione disinteressata di altre persone che sono state nello stesso posto.

Da fiorentino (polemico come tutti i fiorentini) sfido chiunque a fare un sondaggio ed avere risultati concordanti su quali siano i migliori posti dove mangiare, dormire ecc.
Però in questo caso specifico, nel blog di Federica si parla di Low Cost… i posti elencati possono non piacere ma frequentando da 3 decadi Firenze ed avendo la fortuna di condividere le esperienze con molti amici e conoscenti (per mia fortuna), direi che nella categoria "low cost" ci possono tranquillamente rientrare…
liberi comunque di non essere d'accordo!

Girovagate

agosto 2, 2011 | Rispondi | report

@Paolo Per ricevere un consiglio non mi baso mai sul titolo del mio interlocutore, ma semplicemente valuto la consonanza dei suoi gusti con i miei. Per questo io seguo i consigli di questo blog perché mi fido della sua autrice. Mentre invece può darsi che non leggerei mai un tuo articolo perché non mi basta che tu sia un giornalista per fidarmi di te.

Dino

agosto 2, 2011 | Rispondi | report

cavolo quanto veleno…

se "le recensioni sui blog non" servono "a una mazza" allora perchè prendersi la briga di rispondere?…

Io frequento ristoranti e pizzerie a prezzo contenuto, non posso permettermi posti a 4 o 5 stelle e non me ne vergogno, ma certamente se mi rifilano un troiaio non ci ritorno una seconda volta…

Personalmente, mi fido di più del giudizio di miei amici e dei travel blogger che conosco (recentemente sono stato a Roma in un locale consigliato da Federica e mi sono trovato benissimo) che non dei palati sopraffini di alcuni critici che mi indorano un piatto che per me è un troiaio…

Girovagate

agosto 2, 2011 | Rispondi | report

Partiamo da un presupposto (discutibile ma affronteremo i punti deboli dopo) che un blogger è spinto a fare una recensione o raccontare una storia da una forte motivazione personale e non ci guadagna nulla.

In linea di massima questi due fattori sono una forma di garanzia sulla sua "autenticità"… se un blogger lo fa ripetutamente e si dimostra coerente con il suo pensiero acquista, almeno a mio avviso, un posizione molto credibile. E perchè questo? Perchè nella maggior parte dei casi ci mette la faccia… e dal momento che non ci guadagna nulla meglio se lo fa realizzando qualcosa di buono e giusto no?
Un blogger che non vive del suo "essere blogger" che motivo avrebbe di darsi tanto da fare per costruire qualcosa di fasullo?

Il presupposto iniziale tuttavia può non essere valido, questo va ammesso.. ma è altrettanto giusto riconoscere un simile scetticismo può essere applicato a qualsiasi categoria.

Se devo scegliere fra credere al mio vicino di casa (blogger) o al critico gastronomico del maggior quotidiano italiano che vive nel centro Milano… scelgo il primo.

Mattia

agosto 2, 2011 | Rispondi | report

Il fatto che I blogger non ci guadagnano niente è moltooo opinabile

Anonymous

agosto 2, 2011 | Rispondi | report

Leggo con molto interesse questa "conversazione", e debbo dire che la "questione" sollevata da Paolo non è in linea con il dogma del 2.0 : condividere esperienze, di qualunque genere esse siano.

L'esperienza è l'enfasi del SINGOLO individuo, [ in questo caso "blogger"] e sta [sempre] al lettore "codificarla" tramite le narrazioni del sè.

Il 2.0 è la democratizzazione della Rete, dove ognuno di noi si DEVE sentire libero di dare dei consigli, condividere esperienze ed emozioni.

Sinceramente nell'incipit di questa conversazione vedo più una separazione tra online e offline, tra giornalisti e blogger, piuttosto che una [ri]conversione verso un modello integrato.
Abbiamo tutti quanti il bisogno di capire il "ruolo" nella nuova comunicazione che l'evoluzione socio antropologica ci investe da tempo. Questo ruolo lo si può comprendere solo lasciandosi alle spalle le "etichette".

@Anonimo il 2.0 vuol dire pure rispetto verso gli altri ;)

Se nel lavorare su un blog ci sono dei guadagni non ci vedo nulla di male dato il tempo e le energie che si dedicano.
Il blog per definizione si basa su esperienze personali e opinioni, se non si è d'accordo si commenta e le cose possono sempre essere rivisitate.
In questo caso non si vuole scrivere le guida michelen ma si vuole parlare di posti economici dove mangiare bene senza spendere un patrimonio.
Anche la lonely planet lo fa e anche se le scelte in alcuni casi sono opinabili di fatto sono un aiuto a chi viaggia.

Giulia

agosto 2, 2011 | Rispondi | report

caro altro anonimo, è decisamente miope ridurre chi tiene un blog e chi cerca informazioni sui blog ad un mucchio di nullafacenti marpioni, magari bamboccioni di brunettiana memoria, ma del resto probabilmente sei un troll, quindi passo agli argomenti seri.

I blog hanno "de facto" i titoli per segnalare e dare suggerimenti, se li guadagnano sul campo, nel tempo; quello che li differenzia da, che so, un giornalista è che di solito non hanno la pretesa di essere universali, ma chiedono e ricevono fiducia da chi dopo averli "provati" li trova attinenti al proprio gusto.

L'esperienza personale *conta*, non vorremo mica dimenticare (ora che ci conviene) la famosa potenza del passaparola?

Il giudizio di uno del mestiere ha il suo valore, quello di un "dilettante" (ed uso la parola pur non ritenendola vera) informato ne ha un altro di pari dignità, sta a me lettore decidere con la mia esperienza di chi e quanto fidarmi.
è il bello dell'informazione libera, condivisa e di facile accesso. Conviene abituarsi.

Anonymous

agosto 2, 2011 | Rispondi | report

@Paolo
in una miniguida, su una città come firenze, mi sembra ovvio che ci siano dei vuoti, detto questo, io ho consigliato luoghi dove la qualità/prezzo mi è sembrata buona.

Poi non sapevo che per segnalare posti dove mangiare ci vogliono "tituli" :)

BECA

agosto 3, 2011 | Rispondi | report

Mini guida

48 ore a Firenze, weekend low cost in Toscana

Weekend a Firenze? Cosa vedere in tre giorni

Firenze è una delle città più belle d'Italia, una città che i turisti prendono d'assalto ogni inizio primavera fino alla fine dell'autunno e a...

Dove mangiare

Firenze: 5 locali particolari che forse non conosci

Firenze: 5 locali particolari che forse non conosci

Se siete a Firenze e avete voglia di bere qualcosa dopo cena, godendovi una passeggiata nella città, dove potete andare? Inutile dire che le...

Enoteca Fuoriporta a Firenze, mangiare in relax

Enoteca Fuoriporta a Firenze, mangiare in relax

San Niccolò è un quartiere in Oltrarno (la rive gauche di Firenze) molto caratteristico, che ora sta vivendo una nuova giovinezza. Ci sono...

Procacci a Firenze: una pausa da record

Procacci a Firenze: una pausa da record

Procacci è tante cose: un simbolo di Firenze, un tempio della toscanità, un locale di lusso, ma non è certo un locale economico, almeno non...

Dove dormire

Un Bed and Breakfast in Mugello, anche gluten free

Un Bed and Breakfast in Mugello, anche gluten free

Il Mugello è una grande area verde a nord di Firenze, prima che inizi l'Appennino. Il Mugello è famoso per vari motivi:  la famiglia Medici...

B&B Abatjour a Firenze, ecco dove dormire low cost

B&B Abatjour a Firenze, ecco dove dormire low cost

Il b&b Abatjour si trova a Firenze e io ci sono stata per un weekend prenotando grazie a Roomorama. Il b&b è molto carino, sa molto di...

Glamping in Toscana: Norcenni Girasole di Figline Valdarno

Glamping in Toscana: Norcenni Girasole di Figline Valdarno

Avete presente le comode tende montate per i viaggiatori occidentali nei deserti africani? Dove puoi riposare in tutta comodità dopo una...

Meteo

Firenze
C
% humidity
wind:
H • L

Iscriviti alla Newsletter di Viaggi Low Cost

Iscriviti alla Newsletter di Viaggi Low Cost

Vuoi diventare un viaggiatore low cost e ricevere tutte le settimane in anteprima i consigli e i trucchi dei viaggiatori del Magazine per risparmiare in viaggio?Iscriviti alla Newsletter e unisciti agli altri 2000 viaggiatori che hanno scelto di viaggiare di più spedendo di meno!