Edimburgo, tour dei fantasmi in Scozia - Viaggi Low Cost

Edimburgo, tour dei fantasmi in Scozia

Edimburgo, tour dei fantasmi in Scozia

Tour dei fantasmi a Edimburgo, in Scozia, ecco il tour operator locale che ho scelto per conoscere la storia della città scozzese con i suoi miti e le sue leggende.

di , | Cosa Fare

Booking.com

Quando sono andata in viaggio in Scozia, passando qualche giorno a Edimburgo, una delle cose che ho voluto subito mettere in agenda, è stata il tour dei fantasmi per le vie del centro città. Per farlo mi sono affidata ad un tour operator locale con guide italiane residenti a Edimburgo, precisamente lo Scozia Tour.

edimburgo--castello

Quello che spinge molte persone che si trovano in Scozia a voler fare un tour della città, specificatamente sui fantasmi e sulle storie più sanguinose di Edimburgo, è il fatto che proprio qui si siano verificati eventi, omicidi e ci siano storie oscure che si sono tramandate per secoli.

Cosa mi è piaciuto di questo tour? 
La preparazione della mia guida. Il fatto che il tour si sia svolto di sera, così da rendere tutto ancora più affascinante e veritiero se possibile. Infine, il fatto che con questo tour io abbia potuto scoprire oltre alle storie anche zone della città meno turistiche, addentrandoci anche in alcuni cimiteri per andare a scoprire da vicino le storie a noi raccontate.

edimburgo-scorcio

Il tour è iniziato nel cuore della Old Town, quindi partendo dal Royal Mile, per arrivare al Mercat Cross dove in passato venivano eseguite le proclamazioni reali. Da qui scendendo le scale si arriva al Grassmarket Square, uno dei luoghi più macabri dell’intera città, perché era qui che avvenivano le esecuzioni pubbliche.

Quali sono le storie più spaventose, che prendono in realtà spunto dalla realtà dei fatti?
Iniziamo con il dire che a Edimburgo si trova una seconda città sotterranea che sembra ospitare decine e decine di fantasmi, le anime perse degli uomini chiusi e murati vivi tra questi cunicoli nel periodo della peste. La città si trova a 25 metri sotto terra ed è oggi considerata una delle zone più infestate dai fantasmi non solo della Scozia ma anche dell’Europa intera.

edimburgo-tour-fantasmi

La città che si trova oggi nel sottosuolo di Edimburgo ebbe origini tra il XVII e il XIX secolo e lì vennero lasciate a morire centinaia di persone. Per cercare di limitare la peste infatti, l’unica soluzione sembrò essere l’isolamento, la città vecchia venne murata con al suo interno tutti i malati, lasciandoli nelle loro case in attesa della morte. Una storia orribile, è qui che si trova la zona più infestata dai fantasmi di Edimburgo.

Molti raccontano di vedere frequentemente fantasmi aggirarsi per le strade della città, tra questi fantasmi i più famosi sono il fantasma di Mary, o il fantasma della piccola Annie che cerca ancora la sua bambola.

edimburgo-cimitero

Altri luoghi che si possono visitare con il tour sono Calton Hill, il punto panoramico per eccellenza di Edimburgo, dove nel 1600, oltre settanta donne furono accusate di stregoneria e raggruppate sulla collina per poi essere gettate nel lago. Prima di arrivare a Calton Hill troverete l’antico cimitero della città, il bello di questo tour, almeno di quello che ho fatto io, è che potrete entrarci al calar del sole. Se siete anche solo un pochino paurosi, tenete la mano di qualcuno!

Foto di  Craig Cormackdun_deaghMartin Burns

Booking.com

© 2016 - Riproduzione riservata

commenti

Bellissimi i walking tours tipo quello che hai provato tu! A Edimburgo non ne ho mai fatto nessuno, ma segno per il prossimo viaggio. E sono già sicura che poi non riuscirò ad addormentarmi per la paura, come mi è successo a Londra dopo il walking tour di Jack the Ripper…

silviademick

gennaio 14, 2016 | Rispondi | report

    Sì molto bello perché riesci a prendere due piccioni con una fava! Riesci a girare la città con qualcuno che te la mostra sotto diversi aspetti, ad ascoltare una guida brava e preparata e ad andare a casa/hotel/ostello con un sacco di storie e nozioni in più :)

    Federica Piersimoni

    gennaio 15, 2016 | Rispondi | report

Rispondi