Una crociera lowcost in bassa stagione

5 motivi per scegliere una vacanza in crociera

5 motivi per scegliere una vacanza in crociera

Una crociera in inverno, cinque motivi per cui farla: per il prezzo, il clima, il cibo e tanto altro. Leggi il post e decidi anche tu di provare una crociera in bassa stagione.

di , | Cosa Fare

Quest’anno ho voluto sfatare il mito della crociera come luogo di vacanza per persone di mezza età e basta. Ho trovato tanti giovani, famiglie con bambini pure ed ammetto che dopo qualche settimana dallo sbarco un pò ne sento la mancanza. Ho approfittato del mese di novembre per scegliere di andare in crociera sul Mediterraneo e a dire il vero la scelta stava per cadere su Merano per un brevissimo soggiorno e beneficiare di una Spa, ma a conti fatti sarebbe stato antieconomico. Non solo, avendo con noi anche mia figlia di 5 anni ci siamo subito accorti che le sistemazioni in hotel non fossero proprio “bambino friendly”.

crociera-sport

Ed è così che, complice un banner pubblicitario, abbiamo scelto di farci sei giorni sul Mediterraneo su una grande nave da crociera partendo da Civitavecchia. Voglio così elencarvi almeno cinque buon motivi per farne una anche voi, specie dopo l’estate.

1. Prezzo

Prima di tutto, e non è cosa di poco conto, fare una crociera in bassa stagione è decisamente economico rispetto ai mesi più caldi come giugno o luglio. Questo non vuol dire che i servizi a bordo siano di serie inferiore, tutt’altro. Nel mio caso ho avuto anche la fortuna di ricevere una ampia camera di 16 mq con balcone esterno (sebbene avessi pagato per una interna) e questo può accadere a chiunque nel caso in cui la nave, eventualmente, non viaggi al completo.

Sicilia.jpg

Una volta che siete a bordo dovrete accreditare la vostra carta di credito da associare alla vostra carta magnetica che vi permette di entrare nella vostra cabina, bere qualsiasi bevanda che non sia inclusa nel vostro pacchetto viaggio, partecipare ad eventi, insomma qualsiasi cosa. Potreste scegliere anche di lasciare un deposito cauzionale in contanti, ma è di una scomodità unica. Quindi se avete una carta di credito fate come ho fatto io, ma occhio a non esagerare con la strisciata compulsiva.

2. Bambini

Avendo una bambina ero onestamente un pò preoccupato su come intrattenere mia figlia durante il viaggio in nave. E se il mare è mosso? Se invece non fa amicizia con qualche altro bambino? Le animatrici la sapranno prendere? Insomma le domande più banali. Una piacevole scoperta è stato quindi il Club dedicato ai bambini, una grande area che sulla nave in cui ero prevedeva attività ludiche dalle 9 di mattina a mezzanotte. Non un semplice parcheggio, ma un luogo in cui i bambini venivano coinvolti in tante attività compresi spettacoli nel grande teatro della nave. Se volete riposarvi in crociera vi invito ad approfittarne perché se avete intenzione anche di fare le escursioni nelle varie città che si incontrano, muoversi a volte senza bambini può essere un sollievo.

LaValletta.jpg

3. Escursioni

Le escursioni sono un altro motivo interessante. Ogni giorno infatti riceverete in cabina il programma giornaliero con l’elenco delle diverse gite ed escursioni, tutte a pagamento e per ogni tasca. Io non ne ho prenotata alcuna né in anticipo né durante il viaggio. Ho preferito usufruire solo del servizio navetta dal terminal al più vicino punto verso i centri che si visitavano, preferendo muovermi in modo indipendente e selezionando da solo le cose da visitare. Una crociera infatti ti da la possibilità di visitare più luoghi, distanti, in un solo viaggio di appena sei giorni. Nel mio caso abbiamo visitato Palermo, poi La Valletta nell’isola di Malta, Palma di Majorca e infine Barcellona in Spagna. Visite di qualche ora, lo ammetto, ma nel nostro caso sono state molto rilassanti e ci bastava così.

Cena.jpg

Perché scegliere il Mediterraneo? Ammetto che è stata una scommessa e non ci siamo neanche curati delle previsioni meteo ma andando verso sud eravamo sicuri di incontrare il bel tempo, e così è stato. Siamo partiti con maglione e giacca, ma sono rimasti sempre in valigia. Abbiamo infatti incontrato sempre bel tempo e giravo solo in camicia. Temperature di quasi 20 gradi ed il brutto tempo lo abbiamo incontrato solo nell’ultimo giorno di navigazione sulla rotta di rientro nel tratto conosciuto come golfo del Leone.

4. Cibo

Non immaginavo così tanta varietà e soprattutto così tanta attenzione anche ai piccoli particolari. La nave da crociera è una sorta di mega albergo che ogni giorno sforna quantità incredibili di cibo per sfamare un vero e proprio esercito di ospiti. Non ho idea di quante ciambelline e bomboloni farciti abbia mangiato ogni mattina a colazione, ma erano veramente tanti. Cose che si fanno solo in crociera. Anche i pranzi erano tutti a buffet ma a cena il discorso cambiava con camerieri sempre eleganti a proporti ogni sera un menù diverso e servizio al tavolo. Io ho riscontrato anche una qualità del cibo piuttosto elevata, non parliamo di Stelle Michelin, ma provate voi a servire rapidamente 3000 persone su due turni. E vi giuro che non è mai accaduto che non ricevessimo la pasta cotta perfettamente al dente! Siamo stati fortunati? Forse, ma ora che ho sdoganato anche la vacanza in crociera son certo che ne seguiranno altre.

Colazione.jpg

5. Attività fisica

Attività fisica ad ogni ora. A differenza di quando sono a casa, questa volta ho avuto l’opportunità di frequentare la palestra della nave per almeno cinque giorni di fila, anche due volte al giorno. Ed anche questa era una attività compresa e per la quale non ho dovuto pagare nulla. La palestra non è di vostro interesse? Nessun problema, potete scegliere di farvi una corsa all’aperto (ogni nave da crociera ha un suo luogo) oppure approfittare dei programmi proposti durante la crociera dallo staff di animazione.

Insomma di motivi per scegliere una vacanza in crociera sono tanti e potrei aggiungere le albe e i tramonti in mare aperto, le serate a tema, le varie piscine al coperto e non, gli spettacoli in teatro, la Spa e i cocktail in pieno relax sul ponte della nave. Credo siano più di cinque motivi.

© 2015 - Riproduzione riservata