La Costa degli Dei: Calabria - tour di 4 tappe in provincia di Vibo Valentia

La Costa degli Dei, Calabria: 4 tappe da non perdere

La Costa degli Dei, Calabria: 4 tappe da non perdere

Avventura on the road alla scoperta della Costa degli Dei, in Calabria. Spirito selvaggio e genuino, divertimento e gusto: questo viaggio vi resterà nel cuore!

di , | Cosa Fare

Booking.com

La Costa degli Dei, si trova in provincia di Vibo Valentia: è un posto bellissimo da esplorare se decidete di visitare la Calabria; ad aspettarvi ci saranno più di 50 chilometri di spiagge e paesaggi incontaminati.
Raggiungerla è facile: prendete un volo per Lamezia Terme, noleggiate una macchina e partite per un’avventura on the road, godetevi la regione italiana più selvaggia in autonomia e piena rilassatezza.

1. Pizzo Calabro: antichità e mare cristallino

La prima tappa del nostro tour on the road inizia da Pizzo Calabro, un paesino di 10.000 abitanti che cade a picco sul mare; famoso per il suo “Tartufo”: un buonissimo gelato imbottito di nocciola che farebbe gola a chiunque! Una bomba! Anche in termini di calorie. Ma tanto siete in vacanza e, tra una nuotata e un trekking nelle vicine montagne della Sila, lo smaltirete prestissimo!

Da giugno ad agosto, “Pizzo” (così viene chiamata dai suoi abitanti) è gremita di gente che affolla la sua deliziosa piazzetta piena di ristorantini tipici e bar o passeggia nei vicoletti del suo centro storico.
Potrete ammirare i palazzi nobiliari dei secoli scorsi o far compere nelle decine di negozi di souvenir.
Agli amanti del mare e dello “spiaggiamento ad oltranza”, dico subito che le spiagge sono piccine e affollate, specialmente tra luglio e agosto, assicurarsi un posto vicino al bagnasciuga non è semplicissimo, ma il mare ha dei colori così belli che il sacrificio di stare in spiaggia, un po’ accalcati, verrà ripagato alla grande!

A tal proposito, non dovete assolutamente perdervi la spiaggia di Piedigrotta, si trova appena fuori dal centro storico, ci troverete una chiesa scavata nella roccia che è unica al mondo! Conserva un antichissimo quadro del ‘600, raffigurante la madonna di Piedigrotta oltre a tante bellissime sculture a tematica religiosa. L’ingresso costa circa 2 euro e li vale tutti! Subito dopo la visita, potrete godere del mare cristallino che troverete lì di fronte…ah quanto è bella la comodità!

2. Zambrone: paradiso del sub nella Costa degli Dei

Il nostro viaggio prosegue a sud, verso Zambrone, un paesino di pochi abitanti che vi rapirà per le sue spiagge spettacolari e incontaminate.
Sicuramente meno mondana di Pizzo, è conosciuta per la spiaggia chiamata Il paradiso del sub. Raggiungibile in 15 minuti di cammino percorrendo un sentiero sterrato (un po’ ripido per la verità, ma si supera tranquillamente): priva di lidi, ombrelloni e chiasso estivo da spiaggia; una vera oasi di pace dove godersi il mare e fare ore ed ore di snorkeling perdendovi in fondali bellissimi. È la meta ideale per chi vuole assaporare la Calabria selvaggia.

3. Tropea: la perla del Tirreno

E siamo alla volta del posto ribattezzato “La perla del Tirreno”: Tropea. È conosciuta ed apprezzata in tutto il mondo (anche in Indonesia, oltre a Del Piero, gli spaghetti e la pizza conoscono Tropea, giuro!).
Proverò a descriverla per rendere al meglio la sua bellezza: un centro storico dal valore rilevante che cade a strapiombo su un mare blu da fare invidia allo Ionio greco, negozietti di antiquariato e souvenir, visitatori da ogni parte del mondo e, per gli amanti della cipolla… rappresenta il paradiso in terra!
La cipolla di Tropea, adorna i balconi delle case del centro storico ed è impiegata in ogni modo: per condire la pizza, negli impasti per fare la pasta, nelle frittate e persino per colorare i tessuti.

Se vi è venuta un po’ di fame, dopo tutta questa cipolla, vi consiglio di andare a mangiare al Vecchio Forno, è tutto buonissimo, specialmente la pizza (con la cipolla, ovviamente) e la location è da favola; si trova all’interno del centro storico, ha una parte all’aperto, con tre o quattro tavoli apparecchiati con tovaglie a quadri bianche e rosse. Fanno da contorno le lanterne agli angoli del vicolo e i bouganville che incorniciano le finestre: anche solo fotografare questo scenario vi renderà felici!
Nelle giornate nitide, all’orizzonte potrete ammirare le vicine Isole Eolie, sono raggiungibili dal porto con imbarcazioni che partono ogni giorno nel periodo di alta stagione.

4. Capo Vaticano: relax stile caraibico

Chiudiamo in bellezza questo tour, proseguendo 10 chilometri a sud, direzione: Capo Vaticano; è un susseguirsi di calette con fondali sabbiosi, acqua cristallina e grotte raggiungibili solo via mare.
Capo Vaticano è un gioiello per gli amanti del relax e delle spiagge in stile caraibico.
Affacciatevi dal Belvedere dal quale godrete di una vista unica, nelle giornate terse potrete scorgere anche lo stretto di Messina.
Non perdete la spiaggia di Grotticelle, fatta di sabbia bianchissima e mare trasparente.

Agli amanti delle immersioni, questo posto regalerà una flora e una fauna marina ricca e variegata, soprattutto intorno agli scogli della Galea e del Mantineo che si trovano qualche chilometro più a sud.
Troverete un ottimo ristoro da Donna Orsola, è un ristorantino bellissimo e molto buono, ricavato da un ex casale di campagna; vi serviranno antipasti pieni di formaggi e salumi locali, melanzane fritte e primi al ragù di coniglio. Sarà un gradevole ricordo che vi accompagnerà mentre, un po’ malinconici, fate ritorno a casa!

Il tour nella Costa degli Dei vi resterà nel cuore, potrete girare in lungo e in largo il mondo, ma la lo spirito genuino, selvaggio e, a tratti, aspro della Calabria difficilmente lo rincontrerete altrove.

Booking.com

© 2017 - Riproduzione riservata

Mini guida

Tour di 48 ore nell’Alta Valmarecchia riminese

Cosa vedere in Valmarecchia

Un tour di 48 ore nell’Alta Valmarecchia, tra boschi, storia, arte e naturalmente la gastronomia. La valle del Marecchia, dove scorre...