Civita di Bagnoregio, la città che muore - Viaggi Low Cost

Civita di Bagnoregio, la città che muore

di , | Cosa Fare

Civita di Bagnoregio, chiamata anche La Città che Muore, è stata inserita all’interno dei Borghi più belli d’Italia per la posizione suggestiva e perché ogni anno meta di turisti e curiosi. La particolarità di questo borgo è che è raggiungibile solo attraverso un lungo e ripido ponte, null’altro.

Attualmente la Città che muore è abitata da 6 persone. Viene così chiamata perché l’erosione della collina su cui è costruito il Borgo ha fatto sì che l’unico punto di incontro con le città circostanti fosse questo ponte di cemento armato costruito solo nel 1965. Da sempre è percorribile solo a piedi anche se recentemente, per andare incontro alle esigenze di chi qua ci vive e ci lavora, è stato permesso anche di raggiungere Civita con cicli e motocicli.

All’interno del Borgo tantissime sono le case abbandonate anche se tenute in perfetto stato. Molti i ristoranti e i bar, a dire il vero non sembra affatto una città che sta morendo. So trovano turisti e i locali sono frequentati, è vero anche però che il turismo qui lascia il tempo che trova, di certo non ci si soggiorna, al massimo si passa un piacevole pomeriggio o una giornata allungata da un pranzo.

Entrare qua è assolutamente gratuito, alcune case sono davvero bellissime e verrebbe quasi voglia di viverci. Curiosità: è pieno di gatti!

© 2012 - Riproduzione riservata

Mini guida

48 ore a Roma tutta a piedi

Roma a piedi cosa vedere in tre giorni

Pensare ad una guida low cost a Roma in 48 ore, è stato abbastanza difficile. Potrei essere scontata su alcuni aspetti, ma vedere Roma in un weekend...

Meteo

Lazio
C
% humidity
wind:
H • L

Iscriviti alla Newsletter di Viaggi Low Cost

Iscriviti alla Newsletter di Viaggi Low Cost

Vuoi diventare un viaggiatore low cost e ricevere tutte le settimane in anteprima i consigli e i trucchi dei viaggiatori del Magazine per risparmiare in viaggio?Iscriviti alla Newsletter e unisciti agli altri 2000 viaggiatori che hanno scelto di viaggiare di più spedendo di meno!