Tradizioni di Capodanno a Napoli, le usanze tipiche partenopee

Le tradizioni di Capodanno a Napoli

Tutte le tradizioni del Capodanno a Napoli, cosa fare durante il cenone dell'ultimo dell'anno nella città partenopea, leggi il post e preparati ad un turbinio di emozioni in Campania per il 31 dicembre.

di , | Cosa Fare

Le tradizioni di Capodanno a Napoli si mescolano al folklore e alla scaramanzia.

Ne risulta un originale e unico insieme di usanze che rendono il Capodanno napoletano un evento da non perdere. Avete presente quelle cose che almeno una volta nella vita bisogna provare? Ecco, per descrivervelo in poche parole, questo è il Capodanno a Napoli.

napoli-capodanno

napoli-capodanno-botti

Le usanze del Capodanno a Napoli

Sparare i botti
Quando il 31 dicembre a Napoli scocca la mezzanotte, la città si illumina praticamente a giorno. Dai balconi, dalle finestre e dalle terrazze è gara a chi “spara” i botti (fuochi d’artificio) più colorati, rumorosi e scenografici possibili.

Spesso c’è una sorta di vera e propria competizione all’interno dei condomini, per chi ha speso più soldi per realizzare i fuochi d’artificio più belli. I botti vanno avanti per circa una mezz’ora o più, durante la quale comunque è consigliato non camminare per strada rasente ai palazzi.

napoli-capodanno-lenticchie
Mangiare le lenticchie
Guai a non mangiare le lenticchie la notte del 31 dicembre, per la precisione allo scoccare della mezzanotte. Questo perché la tradizione vuole che questi legumi portino soldi e benessere.
E così, sulle tavole dei napoletani, per Capodanno non deve mai mancare una bella zuppiera piena di lenticchie.

Lanciare i cocci per buon auspicio
Disfarsi delle cose vecchie, quindi dei cocci, in occasione del passaggio dal vecchio al nuovo anno, è un gesto considerato di buon auspicio.
Testimonia volontà di cambiamento per un anno migliore.

napoli-capodanno-cenone
Indossare biancheria intima rossa
Che si tratti di uno slip, una giarrettiera per le donne o un reggiseno, non importa. Quello che conta è indossare un capo di intimo rosso durante la notte di Capodanno. Un altro auspicio di buona fortuna immancabile durante il Capodanno a Napoli.

Cenone a base di pesce
Il cenone di Capodanno a Napoli si fa solitamente con i parenti e la famiglia. È tradizione mangiare pesce e quindi sulle tavole partenopee troverete spaghetti alle vongole e baccalà fritto. Tipica delle feste natalizie anche l’insalata di rinforzo, a base di cavolfiori, e dolci come struffoli e roccocò. Dopo il cenone in casa, si va solitamente a festeggiare nei locali e discoteche fino alle prime ore del mattino.

napoli-capodano-uva
Mangiare 12 chicchi d’uva
Per Capodanno non deve mai mancare l’uva in tavola. E, seguendo la tradizione spagnola, che ha lasciato forti influenze nelle tradizioni napoletane, allo scoccare della mezzanotte, bisogna mangiarne 12 chicchi. Il motivo? Anche in questo caso c’entra la scaramanzia. Pare infatti che l’uva porti fortuna, anche solo a guardarla.

napoli-capodanno-brindisi

Dito nel bicchiere di spumante
Se a Capodanno a Napoli vi capita di vedere qualcuno mettere un dito nel suo bicchiere di spumante, non stupitevi. Non si tratta di maleducazione ma solo di un’usanza tipica.
Intingere infatti un dito nello spumante e poi passarselo dietro l’orecchio è anche in questo caso un simbolo di buona fortuna per il nuovo anno che sta iniziando.

© 2016 - Riproduzione riservata

Mini guida

48 ore a Napoli, tour di 3 giorni low cost

Weekend a Napoli: cosa vedere in due giorni

Per un viaggio a Napoli non vi basterà un weekend, dovrete senza dubbio ritornare. Per un viaggi a Napoli non vi basteranno due occhi e una bocca...

Meteo

Napoli
C
% humidity
wind:
H • L

Iscriviti alla Newsletter di Viaggi Low Cost

Iscriviti alla Newsletter di Viaggi Low Cost

Vuoi diventare un viaggiatore low cost e ricevere tutte le settimane in anteprima i consigli e i trucchi dei viaggiatori del Magazine per risparmiare in viaggio?Iscriviti alla Newsletter e unisciti agli altri 2000 viaggiatori che hanno scelto di viaggiare di più spedendo di meno!