Campania: sei borghi meravigliosi e imperdibili tutti da scoprire

Campania: i sei borghi più belli da visitare

Campania: i sei borghi più belli da visitare

Siete alla ricerca di paesaggi bellissimi, buon cibo e meraviglie architettoniche? Leggete questo articolo e partite alla scoperta dei borghi imperdibili della Campania!

di , | Cosa Fare

Con una costa fantastica ed un entroterra altrettanto meraviglioso e ricco di perle nascoste, il territorio della Campania offre al visitatore itinerari per ogni gusto coniugando bellezze paesaggistiche, cibo e belle architetture. Ma vediamo insieme quali sono alcuni dei borghi più belli della Campania dove divertirsi a cercare lo scorcio perfetto da instagrammare e postare sui social!

1. Sant’Agata De’ Goti: storia e fascino

Siamo nella provincia di Benevento, su un rilievo tufaceo le cui abitazioni si affacciano a strapiombo su un maestoso vallone roccioso. Lo scenario è unico e lascia letteralmente senza fiato: le case alternate ad edifici storici si fondono in un dedalo di viuzze che danno vita ad un abitato dalla forma di mezzaluna. Storia, fascino e mistero da immortalare in ogni scatto. Da non perdere l’Acquedotto Carolino del Vanvitelli (lo stesso che ha progettato la Reggia di Caserta), il Castello Longobardo e il magnifico Duomo dell’Assunta.

2. Pollica e la sua frazione marina Acciaroli

Siamo nel bel mezzo della Costiera Cilentana, luogo dal fascino selvaggio e dal mare cristallino. Pollica è famosa per aver ospitato in modo continuativo lo scrittore Ernest Hemingway, affascinato anche lui dalla bellezza di questo borgo. Fra antiche torri di avvistamento, chiese monumentali, storia e buon cibo, Pollica, con la sua frazione marina di Acciaroli è assolutamente un borgo campano da non perdere. Da precisare che l’abitato di Pollica si trova su una collina panoramica che domina il mar Tirreno. Da visitare il Castello Medioevale del 1290 e il Museo del Mare.

3. Teggiano e il suo castello

Teggiano è bellissima: immersa nel Parco Nazionale del Vallo di Diano, si presenta come una sorta di roccaforte il cui abitato si sviluppa attorno al suo Castello, ubicato in pieno centro. Sono migliaia i visitatori che vengono a Teggiano per ammirarne le alte mura e le fattezze medioevaleggianti di tutto il borgo. Meritano una visita, oltre al Castello, il Museo delle Erbe e il Museo degli Usi e delle Tradizioni del Vallo di Diano. Teggiano è famosa per una rievocazione storica che si tiene ogni anno nel mese di agosto: Alla Tavola della Principessa Costanza, dove a tenere la scena ci sono costumi d’epoca, figuranti, battaglie medioevali e tanto buon cibo locale.

4. Vietri sul Mare: colore e ottima cucina

Siamo in provincia di Salerno, l’ultima città della Costiera Amalfitana: abbiamo un insieme di viuzze colorate dalle numerose botteghe della lavorazione della ceramica, antica arte vietrese famosa in tutto il mondo. Vietri è nota anche per la buona cucina di pesce e per la “colatura di alici” una preparazione gastromica a base di pesce azzurro utilizzata per insaporire numerosi piatti di pasta.

5. Ravello: perla della Costiera Amalfitana

Siamo già in piena Costiera Amalfitana: Ravello offre al visitatore una stupenda balconata naturale con vista sulla costa. Ravello è conosciuta soprattutto per un noto festival musicale e per Villa Rufolo e Villa Cimbrone i cui giardini e belvedere offrono un bel colpo d’occhio a qualsiasi ora del giorno. Sicuramente Ravello è una delle perle più note della Costiera Amalfitana, tuttavia vale ugualmente la pena salire fin quassù anche solo per respirare dall’alto l’aria della Divina.

6. Furore e il suo famoso ponte

Un antico borgo marinaro abbandonato dai naturali abitanti (i pescatori) ma che oggi rivive grazie a strutture ricettive quali ristoranti e case vacanze. Dall’aspetto assai caratteristico, il Fiordo di Furore è una profonda insenatura rocciosa sovrastata dal famoso ponte dal quale si disputa ogni anno un’importante gara internazionale di tuffi. L’acqua è delle più belle e si raggiunge attraverso una passeggiata in discesa fra le antiche case dei pescatori oppure ancora più scenograficamente dal mare stesso.

© 2017 - Riproduzione riservata

Mappa

Mini guida

48 ore a Rimini, tour di 3 giorni low cost in Riviera

Cosa vedere a Rimini e dintorni

Un Tour di 3 giorni a Rimini per 48 ore tra divertimento, storia e cultura è possibile. Rimini non è una città grandissima, si gira molto bene in...

Meteo

Italia
C
% humidity
wind:
H • L