Arena di Verona, oltre i concerti la storia e le tradizioni

Visitare l’Arena di Verona tra storia e tradizioni

Visitare l’Arena di Verona tra storia e tradizioni

Le storie e le traduzioni dell'Arena di Verona, quando è stata costruita, come è stata inaugurata, cosa si fa ancora oggi durante il periodi di Natale e molto altro, al di là della sua musica e dei suoi eventi.

di , | Cosa Fare

Se c’è una cosa che non si può fare a meno di notare arrivando a Verona è la sua Arena. Imponente, importante e bellissima testimonianza del passato romano della città, l’Arena di Verona, chiamata semplicemente l’Arena, si trova in piazza Brà, la più grande della città che al suo interno racchiude anche il Liston, la serie di edifici allineati che delimita uno dei suoi lati, Palazzo Barbieri, la Gran Guardia e l’Orologio posto sulla doppia porta che delimita l’ingresso alla piazza e al centro storico.

verona-arena

Situato all’epoca fuori dalle mura cittadine, l’anfiteatro romano non ha una datazione certa, anche se gli storici indicano più probabile la sua costruzione tra il I e il III secolo d.C, è certo invece essere l’anfiteatro meglio conservato al mondo, grazie anche ai numerosi restauri del passato, e il terzo più grande dopo il Colosseo e l’arena di Capua. È necessario però sottolineare che in passato l’anfiteatro venne utilizzato come fonte di materiale per la costruzione dei palazzi cittadini, essendo le materie prime così a portata di mano e facili da reperire. Questo ha reso necessari i restauri che ci permettono di ammirarla tuttora in tutto il suo (quasi) originale splendore.

verona-arena-interno

L’Arena, il nome della sabbia in latino, si presenta in modi diversi a seconda della stagione in cui la visitate. Da ottobre ad aprile, infatti, è possibile ammirare il suo aspetto originale, senza le sedute, la platea ed il palco installati a maggio per la stagione delle opere e degli spettacoli. Il suo interno si presenta come un ellisse di gradinate interrotte da vomitori per l’ingresso e l’uscita degli spettatori che sovrastano l’antica area centrale, sabbiosa per poter assorbire, un tempo, il sangue dei combattimenti gladiatori. La cavea è costituita da tre file di corridoi, mentre l’esterno non si presenta nel suo aspetto originale. Un terremoto avvenuto nel 1117 infatti distrusse la maggior parte dell’anello esterno che circondava l’anfiteatro, lasciando intatta solamente l’attuale Ala.

verona-arena-concerto

Non è certo se al suo interno si siano mai svolte delle naumachie, battaglie navali, si sa però che fu teatro di combattimenti di gladiatori, giochi, cacce ai tori, gare equestri e spettacoli. Nel 1913 invece, con la messa in scena dell’Aida di Giuseppe Verdi, iniziò la lunga storia del Festival Lirico Areniano, che ha reso l’Arena di Verona il più grande teatro lirico all’aperto del mondo. Durante la stagione di spettacoli, l’anfiteatro ospita inoltre grandi concerti di musica contemporanea, durante i quali i maggiori interpreti al mondo hanno potuto esibirsi su questo palco antico. Tra i nomi più conosciuti ci sono Zucchero, Negramaro, Laura Pausini, Tiziano Ferro, Gianni Morandi, Ligabue, Elisa, Giorgia, Eros Ramazzotti, Ennio Morricone per quanto riguarda i cantanti nazionali, Elton John, Duran Duran, Sting, Deep Purple, Paul McCartney, Adele, The Killers e molti altri tra i nomi di fama internazionale. Vi assicuro che assistere ad un evento in Arena è un’emozione unica e irripetibile in qualsiasi altro luogo! Inoltre ogni anno spettacoli teatrali e non come il Festivalbar, Wind Music Awards e Opera on Ice, durante il quale una grande pista di pattinaggio ospita i migliori pattinatori del mondo, animano le serate veronesi. La forma ellittica dell’Arena permette la diffusione del suono in maniera perfetta, durante le serate della stagione lirica infatti gli interpreti non utilizzano amplificazione, al contrario dei concerti.

verona-arena-concerto-nterno

Alcune curiosità: esiste una leggenda sulla costruzione dell’Arena. Un gentiluomo veronese, condannato a morte, propose ai signori della città di costruire in una notte un immenso edificio per gli spettacoli che contenesse tutti i veronesi per aver salva la vita. Per farlo vendette la sua anima al diavolo, così quella notte tutti i demoni iniziarono la costruzione ma l’uomo, pentito, chiese una grazia alla Madonna, che fece sorgere il sole due ore prima, salvandogli la vita e lasciando l’opera incompiuta. Da qui la leggenda della nascita dell’ala. Esiste anche una seconda leggenda che vuole l’Arena costruita sempre dal demonio, poiché a causa delle sue grandi dimensioni si dice non possa essere un’opera degli uomini.

verona-arena-natale

Durante le feste natalizie viene tradizionalmente installata un’enorme stella cometa che nasce dall’Arena e atterra in Piazza Bra, mentre all’interno dei corridoi ogni anno si svolge la Rassegna Internazionale dei Presepi.

© 2016 - Riproduzione riservata

Mini guida

48 ore a Venezia, mini guida per un weekend low cost

Cosa vedere a Venezia in 3 giorni

Venezia è una delle città italiane che tutto il Mondo ci invidia. Venezia è la città dell'amore, la città dell'acqua alta, la città degli...

Meteo

Verona
C
% humidity
wind:
H • L

Iscriviti alla Newsletter di Viaggi Low Cost

Iscriviti alla Newsletter di Viaggi Low Cost

Vuoi diventare un viaggiatore low cost e ricevere tutte le settimane in anteprima i consigli e i trucchi dei viaggiatori del Magazine per risparmiare in viaggio?Iscriviti alla Newsletter e unisciti agli altri 2000 viaggiatori che hanno scelto di viaggiare di più spedendo di meno!