I 5 drink americani per eccellenza - Viaggi Low Cost

I 5 drink americani per eccellenza

I 5 drink americani per eccellenza

di , | Cosa Fare

Booking.com

Cup of Cheer

Bevitori, degustatori e a chiunque piaccia bere qualcosa dalla spremuta alla birra, al cocktail analcolico al super alcolico questo post è per voi. Ovviamente bevete responsabilmente.

Iniziando dal soft.

Egg nog. Bevuta puramente americana, per la colazione, merende ma anche da sorseggiare durante i pasti o almeno qua nonostante sia dolce la bevono anche col salato.
Sostanzialmente è a base di latte, uova e zucchero. Per i più grandi può essere corretto con brandy, cognac o bourbon, per i più giovani non possono ovviamente mancare gusti come cioccolato o vaniglia. In più vengono aggiunte spezie tipo la cannella, che qua in America fa molto atmosfera natalizia. È una bevuta fredda quindi semplice da bere magari con qualche caloria in più.

Bubble tea. Lo trovate principalmente in caffetterie la maggior parte di origini cinesi, ma anche origine vegane e simili. Descriverlo non è facile, ha diversi gusti dalla frutta alla cioccolata, vaniglia e simili, può essere sia freddo che caldo (che ora con questo freddo è più facile da bere) e al suo interno ha delle bubble ovvero palline di Tapioca che sarebbe la sostituzione della farina per i ciliaci. Dirvi di cosa sa non è facile, è un po’ gommosa e a primo impatto è probabile che non vi piaccia ma provare non vi farà sicuramente male. Consiglio il gusto TARO se vi piacciono cose tipo milkshake o bevute con quella consistenza.

Birre. Non sono un’intenditrice di birre, se mi metteste davanti due birre non saprei mai riconoscere di che marca è una o l’altra. La cosa certa che so che non amo le birre artigianali e nemmeno le rosse e che la mia preferita in italia è la tennents. Ovviamente fortuna vuole che sia propria una birra introvabile. La mia mancanza di cultura di birra e la mancanza di voglia di assaggiarne diversi tipi per trovare la mia nuova preferita mi ha portato a scegliere quella più famosa qua, quella che sponsorizza la maggior parte degli eventi e per fortuna mia anche la meno cara la Plubst Blue Ribbon una birra americana in realtà leggera, magari per gli intenditori di birre e gli amanti delle birre artigianali nemmeno gran che ma nella maggior parte dei posti la lattina soprattutto durante gli happy hours costa $1,50 quindi sicuramente buona per le tasche e dissetante per i palati.

Bloody Mary. È vero c’è anche da noi ma è una di quelle bevute nate e cresciute qua, la sua consistenza, il suo condimento e il sedano all’interno vi delizierà a ogni ora del giorno.
Forse perché è fatto con succo di pomodoro mischiato a vodka o gin ma in alcuni posti addirittura lo danno gratis da sorseggiare durante i famosi brunch americani a base di uova bacon e simili.

E poi c’è il famoso Dirty Martini, il drink delle star, la bevuta di Sex and The City, la bevuta che vi farà perdere le inibizioni con una gran classe! È molto buono e allo stesso tempo molto forte, non esagerate o perdere la classe e tornerete a casa a gattoni con le louboutin in mano.
Come dice il nome è a base di Martini che ad esempio a me non piace ma questo cocktail mi ha fatto innamorare di se, è fatto appunto con Martini mischiato con il succo delle olive e ovviamente non mancherà il bastoncino con le olive snocciolate al suo interno.

Booking.com

© 2013 - Riproduzione riservata

Rispondi

Mini guida

Miami, cosa vedere in tre giorni

Miami mini guida, cosa fare in tre giorni

Se fosse un colore sarebbe il rosa shocking, se fosse un profumo sarebbe il pungente aroma della cannella, se fosse una musica sarebbe un sensuale...