Da Bergen la linea ferroviaria più bella della Norvegia

Flåmsbana, da Bergen ai fiordi della Norvegia in treno

Flåmsbana, da Bergen ai fiordi della Norvegia in treno

Da Bergen a Myrdal fino a Flåm, la Flåmsbana è la linea ferroviaria più spettacolare e più ripida non solo della Norvegia, ma anche dell'Europa intera. Ecco il percorso per vedere le spettacolarità della natura norvegese.

di , | Come Muoversi

Non provateci nemmeno a dire a un norvegese che la Flåmsbana, la ferrovia che va da Myrdal a Flåm, potrebbe anche non essere la più ripida del mondo. Perché forse il primato spetterebbe alla Pilatusbahn, nella Svizzera tedesca. Qualsiasi norvegese vi risponderà però che la ferrovia svizzera è a cremagliera, mentre i treni della Flåmsbana raggiungono una pendenza del 55 per mille con un sistema a scartamento normale, ossia senza l’uso della cremagliera, che rende invece le cose più semplici all’elvetica Pilatusbahn.

bergen-Flåmsbana

Me lo racconta la donna seduta sul sedile di fronte a me: abbiamo appena lasciato la stazione di Bergen con un treno che ci porterà a Flåm, un piccolo villaggio nella parte più interna del fiordo di Aurland. La signora mi ricorda di cambiare a Myrdal e, prima che faccia in tempo a chiederglielo, mi spiega che Myrdal è la stazione ferroviaria da cui parte la Flåmsbana. Il tratto che stiamo percorrendo ora da Bergen è un semplicissimo treno locale, senza niente di particolare, secondo lei. Lo spettacolo inizia appunto a Myrdal, che si trova a circa venti chilometri da Flåm. Chiudo il libro, ormai rassegnata all’idea di non poter andare avanti nella lettura di Jo Nesbø, e sorrido alla donna di cui non ho capito il nome, annuendo qua e là e facendo domande sul percorso di oltre cento chilometri che dovrò fare. Lei scenderà prima, a Voss, dove vive. Vorrei ammirare il paesaggio in silenzio, ma non ci riesco, per cui quando scende e il suo posto viene occupato da un altro passeggero, faccio attenzione a non alzare la testa dal libro.

bergen-paesaggio

Guardando dal finestrino mi rendo conto di come il paesaggio stia cambiando man mano che l’elevazione aumenta: se partendo al mattino da Bergen i colori predominanti in questa fredda giornata di ottobre erano il marrone e il verde scuro, poco alla volta tutto sta diventando grigio e bianco. Quando arriviamo alla stazione di Mjølfjell, a circa 600 metri sul livello del mare, sulla banchina c’è una spanna di neve. E quando scendo a Myrdal poco dopo, la neve è alta quasi mezzo metro e l’aria è molto più fredda di quando sono partita da Bergen due ore fa. La gente si muove velocemente, diretta verso altre destinazioni. Io mi sono avvicinata a un gruppo di gente che, come me, si sta guardando intorno, cercando di capire in che direzione andare. Ci viene in aiuto un controllore, o forse un addetto della stazione, indicandoci in un inglese fortemente accentato dove andare per prendere il treno della Flåmsbana, che partirà tra dieci minuti. Non che ci sia il rischio di perdersi alla stazione di Myrdal, con i suoi due binari e la manciata di edifici rossi di legno.

bergen-stazioni
Cammino su e giù lungo la banchina, sperando che il treno arrivi presto, e mi guardo intorno. A parte le montagne e la stazione non c’è nulla: prima di scendere a Voss la donna del treno mi aveva raccontato che è impossibile arrivare a Myrdal in auto, poiché non ci sono strade che portano qui. Le avevo chiesto se ci vivesse qualcuno, e lei mi aveva risposto che a quanto ne sapeva c’era solo qualche cottage estivo e al massimo un paio di locande. In cuor mio spero che Flåm, la mia destinazione finale, sia meno desolata di Myrdal. Quando il treno arriva mi precipito in una delle carrozze, con la speranza di scaldarmi presto. Sembra di essere catapultati indietro nel tempo: i
vagoni color verde muschio sono di un’altra epoca, e gli interni con le finiture di ottone e i sedili rivestiti di spesso tessuto rosso hanno un’aria decisamente démodé e, dunque, incredibilmente affascinante. Mi guardo intorno e mi rendo conto che sembriamo una scolaresca di bambini in gita a Legoland: chi accarezza il rivestimento dei sedili con le mani, chi fotografa i divisori di legno, chi prova ad abbassare i finestrini. Quando partiamo ho il batticuore: in poco meno di un’ora il treno percorrerà i venti chilometri di distanza e gli oltre 800 metri di dislivello scendendo lentamente fino al capolinea.

bergen-treno

La donna di Voss mi aveva parlato anche dell’altro primato della linea ferroviaria, quello del numero di gallerie che, a quanto pare, furono scavate a mano ai tempi della costruzione della Flåmsbana, creata per far fronte alla necessità di collegare la tratta ferroviaria Oslo-Bergen con il fiordo di Aurland, uno dei rami del Sognefjorden, che è poi il più lungo del paese. I primi dieci chilometri sono caratterizzati dalla presenza di gallerie e, tra una e l’altra, vediamo scorrere oltre i finestrini piccole cascate che si riversano dalla cime delle montagne e minuscoli raggruppamenti di casette di legno dipinte a colori vivaci, resi ancora più brillanti dal contrasto con la neve. Mi chiedo se viva davvero della gente in questi posti, o se invece gli edifici dai tetti spioventi non siano stati messi lì ad arte, apposta per i passeggeri del treno. Ma non ho il tempo di pensarci a lungo, perché dopo l’ennesima galleria il treno si ferma.

bergen-case

Il capotreno dice qualcosa in un norvegese cantilenante, poi ripete in inglese: abbiamo cinque minuti di tempo. Non capisco per cosa: dal mio finestrino vedo solo la roccia grigia della montagna, e un pezzo di banchina in legno. Possibile che ci sia una stazione in mezzo al nulla? Ci guardiamo intorno, fino a quando un americano coraggioso apre la porta dello scompartimento e scende. Intanto, i passeggeri delle altre carrozze hanno già iniziato a scattare fotografie a quella che è una delle maggiori attrazioni turistiche di tutta la Norvegia.

bergen-verde-linea-treno
La Kjosfossen è una cascata con un’altezza di caduta di quasi 100 metri, accessibile esclusivamente attraverso i treni della Flåmsbana. Trovarsi su una piccola passerella di legno, con un trenino verde alle spalle e una montagna da cui esplode una cascata proprio oltre la rete di fronte a noi è uno spettacolo che lascia senza parole, anche se uno dei miei compagni di viaggio si lamenta. O forse vuole solo fare il gradasso. Lui è stato qui anche d’estate, quando le temperature più alte sciolgono la neve in cima alle montagne e dunque la portata d’acqua maggiore fa sì che la cascata sia davvero spettacolare. Secondo lui, le temperature rigide dei giorni precedenti hanno causato il congelamento di buona parte della cascata. A me poco importa: la vista, anche in questa stagione, vale sicuramente il viaggio. E comunque ho un buon motivo per tornarci d’estate.

bergen-norvegia-in-treno

L’arrivo al capolinea, circa dieci minuti dopo, è un’altra sorpresa. La stazione di Flåm è formata da un paio di edifici di legno rosso e da un unico binario morto: da lì i treni non vanno da nessuna parte, possono solo tornare indietro, risalendo lungo la montagna, verso Myrdal. Mi guardo un po’ intorno, ed effettivamente non c’è molto in questo villaggio di poco più di 300 abitanti: il piccolo porto e l’Aurlandsfjorden sono proprio di fronte a me, mentre alla mia destra c’è il Fretheim Hotel. Si tratta di una costruzione in legno bianco ricavata da quella che un tempo era una fattoria proprio in riva al fiordo. Faccio e il check-in e raggiungo la mia camera: è spaziosa e calda, ma quello che apprezzo di più è senza dubbio il balcone con vista sul fiordo.

norvegia-bergen-paesaggio

Appena il tempo di riposarmi un po’ e di rispondere a qualche email, e arriva l’ora di cena, organizzata nell’Arven, il ristorante dell’albergo. Il menu cambia a seconda della stagione e i piatti vengono preparati in base a quello che i contadini della zona hanno da offrire. Questa sera ordino come antipasto la Skalldyrs suppe fra Sognefjorden (zuppa di pesci del fiordo di Sogne) e qualche fetta di fenalår, un insaccato di carne di agnello salata e affumicata. Sono indecisa tra l’halibut e l’agnello, ma alla fine opto per l’agnello.

Al posto del dolce ordino un po’ di Geitost, un formaggio di capra prodotto a Undredal, un villaggio poco distante, lungo il fiordo. La sua particolarità è il colore marrone, risultato dell’ebollizione del siero di latte caprino che viene mantenuto a una temperatura di circa 40° per otto ore. Attraverso questa tecnica, il lattosio presente nel latte cristallizza, conferendo al formaggio il tipico colore scuro. Quello che viene anche comunemente chiamato “formaggio caramellato” ha un sapore insolito, ma è un prodotto al quale pochi norvegesi potrebbero rinunciare: una fettina sottile di Geitost spalmato sul pane nero caldo è non solo la conclusione ideale di un pasto, ma anche un ottimo inizio, a colazione.

bergen-cascata

La mia giornata sicuramente si conclude nel migliore dei modi: sorseggiando aquavit, un distillato di patate aromatizzato con erbe e spezie, comodamente seduta sul divano di pelle davanti al camino, mentre guardo il fiordo avvolto nel buio.

Foto di Michela SimonciniAapo HaapanenBernt Rostad, Øystein Vidnes, Henning KlokkeråsenHarvey Barrison, RebeccaAndrew Bowden

© 2016 - Riproduzione riservata

commenti

Amo i treni e amo profondamente la Norvegia… quindi ho amato anche questo tragitto? Purtroppo no, per nulla. Non so se la situazione sia cambiata ma ricordo un treno finto, kitsch, con l’altoparlante che gracchiava in continuazione informazioni che sapevamo già impedendoci di perderci un po’ nel paesaggio. Poi lo stop assurdo davanti alla cascata dove ci fecero assistere a un’assurda danza con musiche e attrici che impersonavano lo spirito dell’acqua.
Peccato perché il treno è in effetti eccezionale e il panorama stupendo, qualche volta i norvegesi non si rendono conto forse di quanto è incredibile la loro natura e aggiungono dei ‘di più’ kitsch che rischiano di rovinare tutto.
Il mio consiglio è quello di scendere a piedi da Myrdal, un sentiero facile (tutto in discesa) e davvero magico e poi magari tornare in treno. Io scesi in treno ma ero così innervosito che tornai su e scesi a piedi :)
Però sì, il posto è magico!

p.s. la mia esperienza risulta a qualche anno fa, ma mi risulta da testimonianze e post recenti che sia ancora così, magari d’inverno le danzatrici non escono però!

patrick

gennaio 14, 2016 | Rispondi | report

Grazie per il commento, Patrick. Anche per me è difficile resistere all’abbinamento Norvegia + treni! La danza davanti alla cascata però mi manca :-) Magari è come dici tu: forse la organizzano solo in certi periodi dell’anno (così le danzatrici non si congelano). In tal caso mi sa che devo riconsiderare l’idea di tornarci d’estate… Chissà che bello fare la discesa a piedi e la risalita in treno: ne avevo sentito parlare ma non l’ho mai preso in considerazione. Magari hai qualche suggerimento?

Silvia Demick

gennaio 14, 2016 | Rispondi | report

Siamo appena tornati da tre settimane di InterRail (+ piccolo road trip tra Bodo e Narvik) in Norvegia e Svezia e confermiamo che i paesaggi sono semplicemente da sogno!

Map & Fork

febbraio 2, 2016 | Rispondi | report

Eh sì i paesaggi di Svezia e Norvegia lasciano senza parole! Ho seguito le tappe del vostro InterRail e devo dire che ci sto facendo un pensierino…

Silvia Demick

febbraio 2, 2016 | Rispondi | report

Fantastici i paesaggi norvegesi, e questa antica linea ferroviaria è un bellissimo modo per scoprirli. Amiamo i viaggi in treno, rilassano e permettono di godere delle bellezze esterne che corrono fuori dal finestrino. :D

Non posso che essere d’accordo con voi Lucrezia e Stefano! Se non ci siete ancora stati, quello in Norvegia è proprio un viaggio che vi consiglio di fare :-)

Silvia Demick

febbraio 5, 2016 | Rispondi | report

Ciao, dove si possono ordinare i biglietti per il viaggio?

Alex

marzo 6, 2017 | Rispondi | report

Ciao Alex, grazie per aver letto e commentato!
I biglietti si possono acquistare direttamente dal sito delle ferrovie norvegesi a questo link: https://www.nsb.no/en/?gclid=Cj0KEQiAl4TGBRDhgvmikdHPsdABEiQAtBcc8KgET_6i0Ab-OiacdvCzddaG3WY8S6GvtexjDMxDcFgaAl7P8P8HAQ
Fammi sapere se hai bisogno di altre informazioni.

Silvia Demick

marzo 9, 2017 | Rispondi | report

ciao

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

riceverai una notifica via email non appena ti risponderemo

Mini guida

48 ore a Valencia, mini guida low cost

Valencia in 2 giorni: cosa visitare

Valencia è una delle città che più amo. Valencia non è grande quanto Madrid, non è festaiola come Barcellona, ma a suo modo ha tutto per...