Isola d'Elba, come arrivare e come muoversi in traghetto, consigli

Isola d’Elba low cost: come arrivare

Isola d’Elba low cost: come arrivare

Alcuni consigli pratici per muoversi sull'Isola d'Elba con mezzo pubblico o privato, a quattro o due ruote. Ecco come arrivare e come muoversi, alcuni consigli pratici per vivere l'isola della Toscana.

di , | Come Muoversi

Booking.com

Volete raggiungere l’Isola d’Elba e state pensando al modo più semplice e meno costoso? Cerco di aiutarvi.

A titolo puramente informativo parto dall’aereo, infatti a Marina di Campo c’è un piccolo aeroporto, con voli delle compagnie Intersky, Skywork e Silver air. Considerando un mezzo pubblico più economico, per esempio il treno, partendo da Firenze ecco la cosiddetta Freccia dell’Elba che parte già alle 5.35 di mattina (ma anche alle 9.20 o alle 15.20). La linea è diretta, la potete prendere anche a Pisa o Livorno, ma dal capoluogo toscano in due ore e 20 vi condurrà alla stazione marittima di Piombino, praticamente sul molo.

Se partite da Roma il cambio treno si fa a Campiglia Marittima, scalo non lontano da Piombino. L’importante è raggiungere la stazione marittima: da qui, a ciclo continuo, partono i traghetti o gli aliscafi per l’Isola d’Elba. Il traghetto per Portoferraio impiega un’ora, ma la nave arriva più velocemente a Cavo (punto più vicino alla terraferma) o a Rio Marina.
La stazione marittima è ben attrezzata, le compagnie Toremar, Moby, Corsica Ferries e Blu Navy hanno prezzi praticamente uguali.

Se invece volete traghettare la vostra auto sull’isola,  sarà meglio acquistare il biglietto per tempo (soprattutto in alta stagione).

Una volta arrivati sull’Isola i mezzi pubblici ci sono, e sono bus. Ci sono tre linee diverse della Compagnia CTT, che attraversano l’isola nei diversi versanti: 116, 117 e 118. I biglietti si acquistano anche a bordo, dall’autista, e vanno obliterati: costo, a seconda della tratta, intorno ai due euro. Tutte le linee si concludono a Portoferraio, Calata Italia (proprio al porto). Le corse sono ovviamente più frequenti in estate. Le tratte, pur non essendo lunghe, sono su strade collinari e tortuose; l’isola ha una rete viaria che rischia di intasarsi nei periodi di alta stagione e vicino alle località più popolari.

L’ingolfamento si verifica soprattutto nei pressi delle spiagge: per questo è consigliabile usare le navette Marebus che dalle città di Marciana, Rio Marina, Capoliveri portano alle spiagge per pochi spiccioli (€ 0,50) e con frequenza di 5 minuti.

La varietà della costa elbana è così bella che cambiare ogni giorno spiaggia è veramente consigliato: se quindi non ve la sentite di legarvi all’orario del mezzo pubblico, una buona idea è sicuramente usare le due ruote, proprie o a noleggio. Sull’isola si possono noleggiare scooter, bici elettriche e city bike. Ma è allettante anche raggiungere cale e spiaggette via mare, e a questo scopo si  può scegliere una barca a motore oppure un gommone. I noleggi sono nelle principali città turistiche (Portoferraio, Marciana, Marina di Campo) senza necessità di avere la patente nautica e a partire da 50 euro al giorno.

Siccome poi vi trovate nel bel mezzo dell’Arcipelago Toscano, una puntatina verso le altre belle isole potrebbe essere interessante. Partendo da Portoferraio o da Marciana Marina si possono raggiungere Pianosa ( circa un’ora), Capraia ( in due ore) o addirittura la Corsica ( in due ore). Tutte le escursioni proposte hanno prezzi abbordabili (fra i 18 e i 50 euro) e includono anche escursioni sull’isola prescelta.

L’Isola d’Elba è un luogo prezioso, da rispettare: cercate, qualunque sia il mezzo scelto, di avere la consapevolezza di trovarsi al centro di un Parco Naturale, in un’area protetta. L’isola vi ripagherà con le sue spiagge e l’acqua del mare, trasparente, pulita, dai mille toni del turchese e rigenerante.

Booking.com

© 2017 - Riproduzione riservata

Mini guida

48 ore a Firenze, weekend low cost in Toscana

Weekend a Firenze? Cosa vedere in tre giorni

Firenze è una delle città più belle d'Italia, una città che i turisti prendono d'assalto ogni inizio primavera fino alla fine dell'autunno e a...